Milano, teatro Manzoni, omaggio a Enzo Jannacci

Lo spettacolo-concerto è un percorso di musica, parole e immagini intorno alla figura del cantautore milanese e della Milano che egli ha raccontato nelle canzoni fin dagli anni ’60. La Milano dei quartieri con i suoi mille personaggi stravaganti e surreali: i “pali” dell’Ortica, quello che andava a Rogoredo a “cercare i sò danée”, le balere di periferia dove c’è sempre chi “per un basin” avrebbe dato la vita intera. I sogni e le miserie di chi sta ai margini di una società che corre troppo veloce, incurante degli ultimi.

Leggi tutto “Milano, teatro Manzoni, omaggio a Enzo Jannacci”

A Milano il teatro è il posto migliore per mangiare paella

«Mangiamo e parliamo con lo stesso organo. Cibo e parole convivono nella nostra bocca e si nutrono a vicenda. Per questo l’atto di mangiare rappresenta uno degli aspetti più evidentemente culturali nell’uomo. Ho raccolto pagine memorabili di Cervantes, Proust, Vicent, Montanari, Scarpellini, Montalbàn, Fernando de Rojas: pagine che parlano di cibo, di fame, di nutrimento, di ritualità… le ho messe assieme a tante ricette e le ho sparpagliate sulla tavola da pranzo. Così è nata questa letteratura ai fornelli, una sorta di fumetto a parole sulla storia dell’alimentazione: due pentole, un tavolo lungo, dei commensali, testi e riflessioni sull’atto di mangiare. Si cucina, si racconta, si mangia. Perché col cibo non si gioca, ma ci si può divertire».

Leggi tutto “A Milano il teatro è il posto migliore per mangiare paella”

Montecassiano (MC), una brillante storia di donne

“Marche in Atti” al Teatro Ferri di Montecassiano. È la volta di “Tre civette sul comò”.

Commedia brillante tra gli spettacoli della Fita Marche in gara a Montecassiano.

Domenica 3 novembre al Teatro Ferri di Montecassiano continua la quarta edizione di “Marche in Atti”, la kermesse regionale dedicata al teatro amatoriale, il cui spettacolo vincitore parteciperà al Gran Premio Nazionale della Fita (la Federazione Italiana Teatro Amatori).

In scena, alle ore 17;15, lo spettacolo “Tre civette sul comò” della compagnia Teatro Accademia di Pesaro, per la regia di Massimo Buonanno. Una commedia brillante in due atti che parla al cuore del grande pubblico. Il cambiamento che irrompe nella vita di tre donne non più giovanissime. Troveranno difficoltà o coglieranno l’opportunità per migliorare la propria vita?

I prossimi spettacoli

Domenica 10 novembre, sempre alle 17:15, sarà poi la volta di “Moby Dick – L’incubo di Achab” del C.T.R. Calabresi Te.Ma Riuniti, per arrivare a sabato 16 novembre quando alle 21:15 l’Associazione “Mnemosine Gruppo Keteatrotifo” presenterà “Non tutti i ladri vengono per nuocere”. Domenica 17 novembre alle 17:15, infine, lo spettacolo finale di Marche in Atti e la premiazione della compagnia che avrà accesso all’evento nazionale, in rappresentanza del teatro marchigiano. Il costo dei biglietti è di sette euro. Sulla pagina facebook di Fita Marche le informazioni generali e le descrizioni dei singoli spettacoli in calendario. 

Premio Radicondoli per il teatro: il bando

Il Festival di Radicondoli, l’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro, Radicondoli Arte, il Comune di Radicondoli in collaborazione con Dominio Pubblico e Kilowatt Festival presentano la decima edizione del  Premio Radicondoli per il teatro.

La premiazione avrà luogo nel corso della trentatreesima edizione del Festival, che si svolgerà dal 23 luglio al 4 agosto con la direzione artistica di Massimo Luconi.

 

 

MODALITA’ DI SELEZIONE:

Il Premio si rivolge agli artisti, agli studiosi, agli appassionati di teatro:

solitamente sono i critici a giudicare, a premiare compagnie e spettacoli. In questo caso la prima selezione opera sulle indicazioni degli artisti, operatori, studiosi, critici, spettatori, da chi conosce da vicino, con differenti ruoli, lo spettacolo dal vivo, che sono chiamati a rispondere a queste domande:

 

– ci sono stati/ ci sono maestri di teatro che vi hanno aiutato, lungo il vostro percorso, a crescere, figure particolarmente disponibili, capaci di ascoltare, di mettersi a confronto con generosità?

– ci sono stati/ ci sono un progetto, un’opera (saggio, video, festival, modalità di rassegna, mostra…) che abbia saputo arricchire, far crescere la cultura teatrale?

 

Solo in seconda istanza la giuria del Premio, composta dai critici teatrali Sandro Avanzo, Rossella Battisti, Claudia Cannella, Enrico Marcotti, Valeria Ottolenghi, e da Elena Lamberti (coordinatrice organizzativa del Premio)  individuerà – ascoltate le indicazioni della “base” – un Maestro e un progetto di particolare valore ai quali assegnare:

 

Premio Radicondoli per il teatro a maestri che sanno donare esperienza e saperi

Premio Radicondoli per il teatro a un progetto che abbia saputo dare positivo impulso al teatro, alla cultura teatrale

 

La giuria valuterà le indicazioni pervenute e assegnerà i premi al prossimo Festival di Radicondoli, all’interno del tradizionale “Aperitivo critico”.