Archivi tag: Zurigo

Al via a Zurigo l’ottava edizione di FOOD ZURICH

Al via tra pochi giorni a Zurigo l’ottava edizione di FOOD ZURICH! l’ormai classico appuntamento dedicato al gusto, ai prodotti, alle ricette e in generale a tutte le novità legate al settore dell’alimentazione. Dal 7 al 17 settembre, la città elvetica ritorna ad essere il principale hotspot culinario europeo, un luogo di ritrovo per intenditori, curiosi e famiglie. In questo 2023 il tema guida sarà “Culinary Future”, ovvero il futuro dell’alimentazione, un domani sicuramente complesso, ma reed pieno di possibili stimolanti e soluzioni innovative.

Cosa ci aspetta nell’ambito dell’alimentazione sostenibile? Questo definisce la vera sostenibilità e come avviene se si ottiene una salute ottimale attraverso l’alimentazione? Domande apparentemente semplici che ci si porrà durante l’evento ea cui si cercherà di dare risposte molteplici che saranno comunque tutte interessanti. I più di 160 eventi in città Durante gli undici giorni, caratterizzeranno l’ottava edizione di FOOD ZURICH! riempiendo di progetti gastronomici “visionari”, ambiziose start-up, soluzioni avveniristiche, contenuti, colori, sapori e profumi il centro della città.

Per discutere e dare delle risposte alle domande sul futuro dell’alimentazione, quest’anno gli eventi saranno organizzati prendendo in considerazione 10 diversi temi.

1. VEGETALE : oggi “vegetale” non significa più rinuncia e sostituzione, ma una cucina ottima, moderna, saporita, sostenibile e creativa.

2. RISPARMIO ALIMENTARE : circa un terzo del nostro cibo va perso o sprecato nel suo percorso dal campo al piatto. Foodsave è un movimento che mira a ridurre lo spreco alimentare e dare un contributo significativo al cambio di modo in cucina mangiamo e consideriamo.

3. NEW IDEA : il mondo si rivolge a Zurigo in attesa di innovazioni anche in ambito alimentare. Solo all’ETH (Politecnico di Zurigo) più di 65 team stanno studiando temi legati alla nutrizione. Creativo e pionieristico è ciò che rende Zurigo il posto ideale per trovare soluzioni per il futuro.

4.BIANCO : il bianco è molto di più di un colore, è una tela per la creatività, un punto di partenza e una fonte di ispirazione nella sua forma più pura. Il bianco attraversa il mondo culinario in molte sfaccettature, sia esso farina e burro, asparagi e cavolfiore, una tavola imbandita in bianco o vino bianco.

5.INNOVAZIONE : il panorama gastronomico è in continua evoluzione. Nuove tecniche e processi stanno cambiando il modo in cui mangiamo e gustiamo il cibo. Dai sostituti della carne di origine vegetale, al latte di alghe, ai nuovi metodi di lavorazione o confezionamento.

6.FUORI DALLA BOTTIGLIA : pensiero “fuori dalla bottiglia”! Bevande con poco o nessun alcol, succhi, liquidi fermentati o sidro, ispirano tutti coloro che vogliono evitare l’alcol. Ma non solo, sono in crescita e vermouth, gin, seltzer, vino naturale e cocktail. Per non parlare dei microbirrifici, acid birre e, infine, zia dà birraie.

7. NUOVA GENERAZIONE : il futuro appartiene a giovani chef locali e ai nuovi arrivi in ​​città, che presentano tecniche rivoluzionarie, vecchie ricette rivisitate, pop-up fantasiosi e nuovi concetti gastronomici, mostrando come e cosa mangeremo in futuro.

8. RADICALMENTE LOCALE : la globalizzazione ha portato con se una diversità spesso sconcertante, a volte travolgente e con essa lunghi percorsi di produzione ad alta intensità energetica. “Dalla fattoria alla tavola” o “radicalmente locale” sono i nomi delle salutari controtendenze che ci stanno riportando a noi stessi, alle nostre radici e ai tesori locali, verso la sostenibilità.

9.A CASA : sia per motivi economici o semplicemente per la voglia di stare davanti ai fornelli, mangiare a casa è diventato di nuovo un piacere per molte persone. Cucinare in casa è divertente, migliorerà il benessere e migliorerà la qualità della vita.

10.OLTRE IL “CONFINE” DEL PIATTO : cosa c’è da scoprire oltre il bordo del piatto? In tavola, sullo sfondo del settore alimentare, nella produzione o in altri ambiti culinari? Cosa succede quando il cibo incontra l’arte, quando la letteratura diventa commestibile o la musica diventa “da sorseggiare”? Nuovi sapori, strani profumi, fusioni che allargano gli orizzonti e storie emozionanti dietro i piatti sono le esperienze che si cercano e che ispirano.

CIBO ZURIGO! anche quest’anno si conferma quindi uno dei tre festival gastronomici più grandi d’Europa, organizzato in una città che è un paradiso per gli appassionati di cibo e che è pronta ad accogliere i suoi ospiti conoffre speciali grazie alla collaborazione con gli Zürich City Hotels . Dalla cucina di altissimo livello, ai classici svizzeri, passando per ristoranti internazionali e street food esotici, nella città sulla Limmat i buongustai trovano “pane per i loro denti”, con quasi 3.000 ristoranti che fanno di Zurigo una delle città a più alta densità di ristorazione al mondo.

Punti salienti:

● Festival Center con laboratori, gastronomia e bar in Europaallee

● Mercato Slow Food il 9 settembre 2023, Foodsave Day il 15 settembre,

2023, ingresso al Festival Center

● Oltre 160 eventi a Zurigo e dintorni, qui: Programma e Biglietti

● Evento di apertura il 7 settembre 2023, a Jelmoli, biglietti disponibili chi:

biglietti di apertura

● Soil to Soul dal 14 al 16 settembre, con il Soil Food Market

esimo Festival Fermentista al Kulturareal Mühle Tiefenbrunnen

La riviera zurighese tra le mete top per la calda estate 2023

Lo sapevate che Zurigo è una delle città con la più alta densità di stabilimenti balneari al mondo? Quindi, se siete alla ricerca di una meta vivace e allo stesso tempo rilassante per l’estate 2023, con appuntamenti musicali, sportivi, culturali e artistici a due passi da un tuffo in acqua, l’avete trovata a sole 3 ore di treno da Milano!

Zurigo è rinomata per trasformarsi d’estate in un parco acquatico urbano: ad oggi, si contano circa 30 stabilimenti lacustri e fluviali e 20 piscine. In città l’acqua sorge, scorre, gorgoglia da ogni dove. La città, grazie a questo prezioso elemento, offre ai suoi visitatori esperienze memorabili: che si tratti di relax, wellness, sport, escursioni o gite in battello, il filo conduttore è sempre l’acqua. Le principali risorse idriche della zona sono il lago di Zurigo e il fiume Limmat. Questi luoghi possiedono le acque più limpide e cristalline della città e si snodano attraverso il centro, quartieri emergenti fino a sfiorare edifici storici.

In estate sono molti gli appuntamenti che si svolgono in riva al lago o lungo il fiume. Per chi ama il relax, è possibile nuotare indisturbati in mezzo alla natura e rilassarsi sorseggiando un buon aperitivo. Al tramonto, infatti, molti stabilimenti fluviali, si trasformano in locali cool direttamente sull’acqua. I cosiddetti “Badi-Bar”, chiamati così dagli zurighesi, sono rinomati per i loro caratteristici spettacoli ed eventi live. Per gli amanti dello sport, invece è possibile vivere un’esperienza unica nel suo genere: il pumpfoiling. Questo sport consente di planare sull’acqua utilizzando una tavola da surf dotata di una sporgenza laterale e di un “foil’’, una specie di ala sottomarina. Questa pratica è idonea per adulti e bambini e richiede una buona dose di equilibrio e coordinazione. Nel cuore urbano della città all’interno del quartiere di Zürich-West, invece, si può persino fare surf! Vicino alla stazione di Hardbrücke, si trova infatti la piattaforma “Urbansurf”, un impianto a onde costanti adatto anche a principianti. Le pareti imbottite e la profondità sufficiente fanno sì che, in caso di caduta, nessuno si faccia male. Qui, oltre allo spettacolo sportivo, gli spettatori si possono gustare drink rinfrescanti, ottimi piatti e musica dal vivo. Tra le numerose esperienze da vivere in città, caratteristica è anche l’esperienza su un battello green: per incrementare e migliorare il servizio, dal 31 di Marzo 2023, sono entrati in funzione sul fiume Limmat le nuove “Limmatschiffe”, battelli a propulsione elettrica, ecologici, silenziosi e climatizzati, che navigano sul lago e lungo i canali del centro storico.

Per quanto concerne l’utilizzo dell’acqua, Zurigo fornisce ai propri cittadini e visitatori acqua potabile sempre disponibile e di alta qualità. Una delle caratteristiche che rende questo luogo unico è appunto la presenza di oltre 1.200 fontane dove sgorga deliziosa acqua fresca. Ciò consente un approvvigionamento idrico ottimale anche in situazioni d’emergenza. Tra le opere architettoniche più rilevanti in ambito “acquatico” troviamo la Fontana di Aquaretum, famosa per i suoi giochi d’acqua. Durante la primavera del 2019 è stata modernizzata e impreziosita da Andres Bosshard, rinomato artista zurighese. La composizione finale è composta da dodici getti d’acqua sferici in acciaio, disposti in cerchio in gruppi di tre. Una volta attivati i getti, si creano degli archi d’acqua che si intrecciano in cupole e creano una volta spaziale. La particolarità di questa struttura è quella di essere collegata a sistemi di rilevazione sismica dell’ETH quindi, le vibrazioni/pulsazioni della terra producono un cambio repentino dei flussi d‘acqua. Al calare della notte tutto ciò viene abbellito con scenografiche luci LED.

Per incentivare un uso dell’acqua “responsabile”, a Zurigo è in commercio la famosa Lokales Wasser 37, marchio d’acqua zurighese che fin dal 1559 contribuisce a combattere, nel suo piccolo, il cambiamento climatico, utilizzando l’acqua locale come risorsa a chilometro zero. Quest’ultima viene infatti prelevata alla Rennweg 37, strada principale della città vecchia e ancora oggi viene consumata in moltissime abitazioni della zona.

Conservare e utilizzare in modo sostenibile l’acqua è fondamentale per preservare il futuro del nostro ecosistema e quello dell’intero Pianeta Terra. L’acqua è elemento essenziale per la vita e genera benessere e crescita economica. Guardando a questa estate che inizia oggi ma soprattutto al futuro, Zurigo continuerà ad impegnarsi nella battaglia contro gli sprechi d’acqua per diffondere una cultura di rispetto e tutela nei confronti di questa risorsa che, purtroppo, non è illimitata.

A Zurigo le fontane del centro “fioriscono” per Pasqua

In occasione dell’arrivo della Pasqua ogni anno a Zurigo alcune selezionate fontane del centro città vengono “decorate” da migliaia di boccioli di rose donati dalla chiese, creando un effetto cromatico spettacolare, soprattutto durante le giornate di sole come quella di oggi! È possibile visionare le fontane fiorite dal 1 al 10 aprile. Questa iniziativa fa parte del progetto “Ohne Dornen keine Rosen” (niente rose senza spine) voluto dalle Chiese della Città Vecchia, il cui scopo è quello di diffondere un segnale di speranza proprio durante la Settimana Santa e la Pasqua. In questo periodo è previsto anche un programma speciale a tema nelle chiese del centro.

Un’estate a Zurigo, dove l’oro blu è protagonista

Chi pensa che il lago d’estate sia noioso non è di certo mai stato a Zurigo, dove l’estate è sinonimo di sole, acqua e divertimento. Fortunatamente a Zurigo l’oro blu non manca, da sempre questo prezioso elemento è valorizzato senza essere mai sprecato e in estate è “sfruttato” anche per molte attività all’aria aperta. Il lungo lago e i fiumi, infatti, in questa stagione si trasformano in un parco acquatico di 30 lidi chiamati Badi cioè “piscine” all’aria aperta dove ci si rilassa nella natura e la sera si fa festa guardando il tramonto. Sono vere e proprie attrazioni sia per i turisti che per gli abitanti della città e della Regione.

Esiste una badi per tutti i gusti, addirittura potrete trovarne alcune esclusive per sole donne e altre per soli uomini. La sera i lidi si trasformano in bar dove si possono bere cocktail e festeggiare fino a tardi con gli amici.

Il Frauenbad Stadthausquai, per esempio, di giorno è riservato alle donne ma di sera si trasforma nel popolare Barfussbar, locale aperto a tutti che ospita concerti dal vivo. “Barfuss” in tedesco significa scalzo e infatti qui è vietato indossare scarpe. Lo stabilimento fluviale Oberer Letten, invece, è molto divertente per i giovani. Offre un canale per nuotare lungo 400 metri, da una parte del fiume si trova una piattaforma per tuffi alta due metri mentre dalla parte opposta dei campi da beachvolley, skate park e pareti sulle quali è possibile dare sfogo alla propria creatività facendo street art.

Oltre alle Badi ci sono anche altri posti speciali lungo il lago di Zurigo, tutti da scoprire: Blatterwiese (o Chinawiese) è un bellissimo tappeto di erba verde dove si può nuotare nell’acqua fresca del lago e poi pranzare con un picnic. Nel parco si ha l’opportunità di vedere il giardino cinese di Zurigo, che è considerato tra i più belli al mondo al di fuori della Cina. Al suo interno si possono fare foto nelle pagode e godere della tranquillità e della serenità del luogo. Si tratta di un omaggio da parte della città cinese di Kunming alla città di Zurigo in nome della gemellanza che le lega. Al piccolo porto di Enge o al club nautico Lago è possibile anche noleggiare stand up paddle o pedalò per passare un po’ di tempo sull’acqua, mentre Saffa Insel è un piccolo isolotto sul lago fatto di erba e ciottoli dove si può passare una giornata tranquilla tra cigni ed anatroccoli. Per un’attività fuori dal comune si può scegliere di fare surf nel cuore della città! All’Urban Surf, una piscina con un’alta onda artificiale, grazie all’assistenza e le spiegazioni di surfisti professionisti, si impara ad andare con la tavola sulla cresta dell’onda. Dopo il divertimento sportivo ci si può godere drink freschi o tipiche specialità culinarie nel vicino Frau Gerolds Garten o nei ristoranti sotto le arcate del Viadotto di Zürich-West, dove si trovano numerosi spazi adibiti alla gastronomia, alla cultura e allo shopping. E se nelle calde e soleggiate giornate si ha improvvisamente sete, niente paura, a Zurigo ci sono ben 1200 fontane di acqua potabile fresca, pronte a rinfrescare per poi ripartire!

Se il sole non ci fosse, si può sempre optare per attività più “cittadine” come, per esempio, visitare il Lindt Home of Chocolate, il museo del cioccolato più grande di tutta la Svizzera. È un luogo interattivo dove si può assaggiare il cioccolato e partecipare ad un workshop per creare una tavoletta personalizzata. Oppure si può scegliere di visitare il WOW Museum, il divertente museo delle illusioni dove poter scattare foto alternative interagendo con le opere esposte. Infine, il Kunsthaus Museum espone collezioni d’arte ed esibizioni artistiche temporanee dove si possono ammirare dal vivo opere di artisti del calibro di Munch, Monet, Chagall, Degas, e molti altri.

La sera ci si può far coccolare dai deliziosi ristoranti con vista sul lago. Il Fischerstube, che letteralmente significa “salotto del pescatore”, è il luogo perfetto per gustare piatti realizzati con pesce d’acqua dolce o specialità tipiche zurighesi. Il Lux, invece, è un ristorante e lounge bar che offre una cucina gourmet in una suggestiva terrazza panoramica. Si può godere della meravigliosa vista sorseggiando drink metropolitani oppure selezionando uno tra i 250 vini nella lista, tra cui quelli dei viticoltori di Zurigo. Per gli amanti della cucina francese, imperdibile è il nuovo Roof Garden che si trova all’ultimo piano dei grandi magazzini Globus dove ci si può immergere in un viaggio culinario in Costa Azzurra accompagnato dallo chef de cuisine Dominik Altorfer.

Non resta che fare le valigie e prepararsi per una divertente vacanza acquatica, e non solo, a Zurigo.

Zurigo, dove sostenibilità e natura convivono nel panorama urbano

La primavera fiorisce in questi giorni a Zurigo e invoglia a godersi i panorami all’aperto ed immergersi nella natura. La città elvetica è da sempre un punto di riferimento per quanto riguarda il rispetto dell’ambiente e sono molteplici gli spunti legati a questo tema in città che permettono al viaggiatore di godersi uno splendido soggiorno nel segno della sostenibilità: dalla mobilità green all’accoglienza consapevole, passando per eventi, negozi, ristoranti che tengono conto dell’impatto ambientale.

In questo periodo le vie di Zurigo stanno per sbocciare con le loro piante di magnolia e di fiori di ciliegio che sprigionano nell’aria profumi inebrianti. Bertastrasse e Zurlindenstrasse si colorano così di rosa, diventando set perfetti per degli scatti memorabili. Passeggiando tra le vie della città si possono incontrare i tradizionali mercati all’aperto dove è possibile acquistare fiori, frutta e verdura freschi di stagione, pesci di lago e pane appena sfornato. È un’esperienza ideale per assaggiare i prodotti locali a chilometro zero e partecipare alla vita degli zurighesi.

Disperse in tutta la città si trovano oltre 1200 fontane da cui sgorga acqua fresca e potabile dove riempire le borracce per dissetarsi in modo eco. Zurigo è infatti una delle città con più fontane nel mondo, il che fa diminuire sensibilmente lo spreco di bottiglie di plastica. Su molte fontane sono incastonate immagini che narrano dei racconti. Le più suggestive sono nel centro storico come la fontana delle amazzoni del 1430, la fontana di Lindenhof del 1667 che rappresenta il coraggio degli zurighesi nello scacciare gli assediatori austriaci e la fontana di Alfred Escher del 1889 che ingloba le imprese più importanti del politico.

L’importanza del green per la città si rispecchia anche nella sua arte culinaria. Sono numerosi i bar e i ristoranti che vivono all’insegna della sostenibilità e delle pratiche antispreco. Quando si è a Zurigo, non può mancare una visita all’interessante “Cafè Boy” dove gli ospiti si siedono tutti insieme in grandi tavolate per fare amicizia e discutere di cultura e politica. Ordinando il menù “Food Waste”, che supporta la sostenibilità, verrà presentato un piatto a sorpresa. Rechberg 1837, invece, con le sue bellissime pareti tinte di verde smeraldo, riporta i suoi ospiti indietro nel tempo con gustosa carne delle fattorie locali e una varietà di verdure antiche ormai rare.

Gli amanti dei picnic all’aria aperta possono invece godersi una poke di Quai Cafè o il pane fragrante e attento a tutti i tipi di esigenze di John Baker, sui prati fioriti dei numerosi parchi della città di Zurigo. Dal Waid, un interessante punto panoramico, si può ammirare la suggestiva vista della città dall’alto mentre per le coppie che desiderano un pranzo romantico tra alberi in fiore e ville storiche, Rieterpark e il parco Patumbah sono dei luoghi semplicemente perfetti.

Durante il soggiorno chi desidera abbandonarsi ad un pomeriggio di shopping sostenibile, può fare visita a Circle, un eco concept store nel cuore della città, e poi a seguire Kari Kari con la sua filosofia slow fashion. Per gli amanti del vintage invece ReWork, The New New e Marta Flohmarkt selezionano capi di seconda mano e li ricondizionato per ridargli una nuova vita.

Zurigo offre spunti anche per chi è alla ricerca di una giornata speciale nella natura, fuori dal comune, come fare trekking nel verde in compagnia dei lama, grazie agli splendidi animali del maneggio GoldenLama, oppure prendere il battello per una gita sul Lago di Zurigo che permette di vedere la città da una prospettiva unica. La sera poi i battelli si trasformano in discoteche notturne a tema per passare serate divertenti ballando salsa, musica anni 80 o Silent Party.

Non va dimenticato infine che aprile, oltre ad essere la stagione dei fiori, è anche la stagione in cui riaprono numerosi luoghi di arte e cultura. Il 13 aprirà la mostra Monet’s Garden che immergerà completamente i visitatori nel mondo impressionista di Claude Monet tra arte e tecnologie. Il 29 aprile, invece, riaprirà le porte Le Pavillon Le Corbusier, il museo di architettura, con una mostra speciale che ripropone fotografie soggettive di sette fotografi, scattate durante la visita a sette palazzi diversi.