Archivi tag: Israele

La guerra delle pance in Palestina

Si resta colpiti dolorosamente dal numero di bambini vittime della guerra di Gaza. Ovviamente non è che gli israeliani prendano di mira i bambini (come pure qualcuno lascia credere): colpiscono in teoria gli obiettivi militari di HAMAS, ma poiché questi si trovano fra la gente comune, colpiscono la gente comune. Diciamo pure che si tratta di bombardamenti indiscriminati, a tappeto come si diceva ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, anche se non arrivano all’orrore delle bombe incendiarie di Dresda, del bombardamento su Tokyo e della atomica su Hiroshima.

Continua la lettura di La guerra delle pance in Palestina

Israele, parchi tra archeologia e natura

Il Parco di Timna
Situato nella valle del deserto di Arava, a 25 km a nord della città di Eilat, e circondato da un’imponente catena montuosa, il Parco di Timna è un insieme di paesaggi desertici colorati e rocce mozzafiato: un itinerario on the road che riempirà di soddisfazione e adrenalina.
Questo parco è un vero e proprio punto di riferimento archeologico, perché rivela le prove di 4000 anni di produzione di rame – il primo metallo utilizzato dall’uomo – all’interno delle miniere più antiche del mondo.
Cultura e archeologia sono le colonne portanti di questo luogo unico nel suo genere.

Data la sua ampiezza è complicato da visitare a piedi, per questo si consiglia di prendere parte ai tour quotidiani che partono da Eilat, considerando che tutti i siti principali del parco di Timna sono facilmente raggiungibili in auto, con cartelli direzionali posizionati ad ogni incrocio ed un elevato numero di parcheggi disponibili.
Il parco vanta un ulteriore elemento peculiare: la replica del Tabernacolo biblico.
Dopo varie ricerche, la ricostruzione corrisponde in modo autentico all’aspetto e alle dimensioni del Mishkan.
Inoltre al suo interno sono presenti vari oggetti sacri: la tavola dei pani, la “Menorah”, le vesti del sacerdote e persino una replica dell’arca, con i dieci comandamenti al suo interno.

Sebbene attorniato dal deserto del Negev, il parco ospit a un lago artificiale, che è anche una delle zone di massimo divertimento per i visitatori, circondato da ombrelloni e attrezzato per ogni tipo di attività ricreativa.

La prima proposta è la sfida nel deserto di Timna: un percorso-evento spettacolare di 20 ore lungo alcuni dei percorsi più belli del mondo.
Dopo un iniziale risveglio musicale, i vari itinerari sono immersi nel silenzioso scenario desertico, e contraddistinti da lunghi corridori naturali, ed ecco il secondo buon proposito: battere se stessi!
Alla fine del percorso è prevista una grande festa musicale, in cui si smaltirà l’adrenalina in eccesso.

Gli amanti della bici possono stare tranquilli: qui troveranno proposte mozzafiato e percorsi ideali.

Il parco di Timna è colmo di paesaggi eccezionali e possiede alcuni dei luoghi geologici più belli e unici al mondo.
Ci sono percorsi di varie difficoltà in base al target: per le famiglie, per i più piccoli o per i più esperti.
Più di dieci piste in tutta la regione, il Parco di Timna si dimostra un’area in continua crescita e sviluppo .

Al parco di Korazim

Per scavare nel tempo

Diventa archeologo per un giorno!
Un antico villaggio ebraico attende di essere scoperto, così da riportare alla luce il passato all’interno del Parco Nazionale di Korazim: un insediamento ebraico di epoca romano-bizantina che si affaccia sul Mar di Galilea.

Gli scavi, finora, hanno fatto emergere delle abitazioni, un bagno rituale, frantoi e numerosi manufatti, oltre a una delle più antiche e imponenti sinagoghe scoperte in Israele.
La Israel Nature and Parks Authority, ha aperto il sito agli archeologi e al pubblico interessato a partecipare ad uno scavo. Le attività avranno durata di 1-2 ore e sono adatte a famiglie e gruppi. E’ possibile svolgere l’attività sia in inglese che in ebraico.
Lo scavo è guidato da un archeologo esperto e la visita può includere un tour del sito e un laboratorio di antichi mestieri.
Al momento, i ricchi reperti portati alla luce nel sito includono ceramiche, vetri e persino un gruppo di monete d’argento e d’oro.
Korazim è menzionata nel Nuovo Testamento come una delle tre città – insieme a Betsaida e Cafarnao – che Gesù maledisse perché non avevano ascoltato i suoi insegnamenti.
Per ulteriori informazioni:
https://www.parks.org.il/en/new/korazim-national-park /

In Israele per vivere la magia del Natale 2023

Il Ministero del Turismo israeliano è pronto ad accogliere i circa 120.000 fedeli che si prevede arriveranno in Israele per il periodo natalizio. Dalle 14:00 della vigilia di Natale (24 dicembre) alle 02:00 del giorno di Natale, il Ministero del Turismo metterà a disposizione una navetta gratuita di andata e ritorno per aiutare i pellegrini che viaggiano tra Gerusalemme e Betlemme. Gli autobus partiranno dalla fermata vicino al parcheggio Carta di Gerusalemme (di fronte alla Porta di Giaffa e vicino al Mamilla Boulevard) e proseguiranno attraverso il Rachel’s Crossing fino alla Chiesa della Natività di Betlemme – e poi di nuovo indietro. Il programma potrebbe subire variazioni in base alla richiesta e al traffico.

Dal 15 al 25 dicembre, nel quartiere cristiano della Città Vecchia di Gerusalemme, nella zona della Porta Nuova, si terrà un festoso mercatino di Natale. L’area sarà illuminata e decorata per la stagione, con bancarelle di cibo e regali, concerti, tour, spettacoli dal vivo e altro ancora. Nel quartiere cristiano si terranno tre concerti: presso la Chiesa del Patriarcato Latino, la Chiesa di San Salvador alla Porta Nuova e la sala concerti della Custodia Terra Santa. I concerti si terranno il 15/12; 22/12; 25/12, con registrazione e pagamento anticipato sul sito web di iTraveljerusalem.

Un’esposizione di palle di neve giganti sarà allestita nei vicoli del Quartiere Cristiano che conducono alla Casa di Babbo Natale: risalente a 700 anni fa, la casa appartiene all’unico Babbo Natale ufficiale e accreditato della Terra Santa, Issa Kassissieh, e rappresenta una vera e propria istituzione di Gerusalemme, unica nel suo genere e visitata da migliaia di turisti e locali. Conosciuto affettuosamente come “il Babbo Natale di Gerusalemme”, Kassissieh (giocatore professionista di pallacanestro) apre le porte della sua casa gratuitamente tutti i giorni tranne la domenica dalle 17.00 alle 20.00. La casa, decorata a festa, comprende un bazar natalizio, con bevande e giocattoli.

Avvistata mandria di asini selvatici asiatici, in Israele

Grazie a un progetto della INPA – Israel Nature and Parks Authority atto a restituire alla natura animali selvatici sull’orlo dell’estinzione, un branco di asini selvatici asiatici (Asian Equus Hemionus) è stato recentemente avvistato e fotografato al Machtesh Ramon.

Si stima che in Israele vivano circa 500 asini selvatici asiatici.

L’asino selvatico asiatico è un esemplare raro: la specie si era completamente estinta in natura nel secolo scorso.

Grazie al progetto della Israel Nature and Parks Authority che puntava a restituire alla natura gli animali presenti nella Bibbia, negli anni ’60 furono allevati numerosi esemplari in semi-cattività della Riserva Naturale di Hai Bar.

Dopo essersi acclimatati nel nuovo ambiente nella Riserva Naturale, hanno iniziato a riprodursi e negli anni ‘80 sono stati riportati al loro ambiente naturale.

Oggi ci sono circa 500 asini selvatici asiatici che vivono liberamente nel deserto, nutrendosi di piante e cespugli. In genere riposano durante le ore più calde della giornata, trovando ombra vicino ai cespugli. Sono attivi sia di giorno che di notte.

Questa spettacolare foto che li ritrae è opera di Mark Katz, un dipendente INPA, il cui obiettivo ha saputo catturare magnificamente gli esemplari e il panorama mozzafiato che li accoglie.

Israele è aperta ai turisti

Israele è aperta ai turisti! Dal 1° marzo per entrare in Israele si dovrà soltanto effettuare un test molecolare/PCR non oltre le 72 ore antecedenti la partenza. Sul referto, necessariamente da rilasciarsi in Inglese, valido per l’ingresso solo se negativo, dovrà essere inserito il numero di passaporto. Rimane obbligatoria una copertura assicurativa che copra anche i costi legati al Covid-19 e la compilazione dell’ Entry Statement Form nelle 48 ore che precedono la partenza. All’arrivo in areoporto a Tel Aviv si conferma l’obbligo di effettura un test molecolare/PCR prenotabile a questo link, il cui esito sarà comunicato non oltre le 24 ore dall’ingresso nel Paese.

Il Ministero del Turismo ha annunciato che ridurrà i tempi di attesa per i test anti-Covid per i gruppi di turisti che arrivano all’aeroporto di Ben Gurion. Secondo le stime, questa operazione dovrebbe ridurre il tempo di attesa del 25%. L’idea è del Ministro del Turismo Israeliano Yoel Razvozov è quella di facilitare il più possibile la ripresa del turismo, semplificando l’ingresso in Israele per i viaggiatori internazionali.

Si raccomanda di monitorare costantemente il sito del Ministero della Salute e del Ministero del Turismo di Israele.

Sport che passione! Israele si prepara alla prossima edizione della Maratona di Gerusalemme.

Clicca qui e scopri come vivere l’evento del prossimo 25 marzo.

Image

TURISMO ISRAELIANO

SPECIALE PRIMAVERA 2022

ISRAELE E’ APERTA!

Gli Italiani sono tornati a visitare la nostra Terra e finalmente, da Gerusalemme a Tel Aviv fino ad arrivare ad Eilat, tutta Israele rieccheggia dell’allegria portata dai tursti Italiani. Non vedo l’ora di accogliervi a braccia aperte nella mia Terra!

Kalanit Goren

Direttrice

Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo

L’ESTATE E’ ALLE PORTE…

E LE NOSTRE SPIAGGE SONO GIA’ APERTE

Intanto un piccolo assaggio d’estate… direttamente da Tel Aviv!

Guardate questo contribuito e preparatevi al divertimento, al sole e al mare di Israele.

NOVITA’ DI INGRESSO

Image

Gerusalemme. Città Antica. Crediti Israel Ministry of Tourism

Israele è aperta ai turisti!

Dal 1° marzo per entrare in Israele si dovrà soltanto effettuare un test molecolare/PCR non oltre le 72 ore antecedenti la partenza Sul referto, necessariamente da rilasciarsi in Inglese, valido per l’ingresso solo se negativo, dovrà essere inserito il numero di passaporto. Rimane obbligatoria una copertura assicurativa che copra anche i costi legati al Covid-19 e la compilazione dell’ Entry Statement Form nelle 48 ore che precedono la partenza. All’arrivo in areoporto a Tel Aviv si conferma l’obbligo di effettura un test molecolare/PCR prenotabile a questo link, il cui esito sarà comunicato non oltre le 24 ore dall’ingresso nel Paese.

Il Ministero del Turismo ha annunciato che ridurrà i tempi di attesa per i test anti-Covid per i gruppi di turisti che arrivano all’aeroporto di Ben Gurion. Secondo le stime, questa operazione dovrebbe ridurre il tempo di attesa del 25%. L’idea è del Ministro del Turismo Israeliano Yoel Razvozov è quella di facilitare il più possibile la ripresa del turismo, semplificando l’ingresso in Israele per i viaggiatori internazionali.

Si raccomanda di monitorare costantemente il sito del Ministero della Salute e del Ministero del Turismo di Israele.

NOVITA’ DI COLLEGAMENTI

Image

Tel Aviv. Sarona Market. Crediti Israel Ministry of Tourism

Ogni giorno di più cresce l’offerta delle compagnie aeree verso Isarele!

La compagnia EL AL , sta perfezionanando l’orario primavera-estate 2022 in vigore da Aprile ad Ottobre: si confermano già i collegamenti con Roma-Fiumicino, Milano-Malpensa e Venezia-Marco Polo.

ITA AIRWAYS conferma invece la tradizione di voli che hanno origine principlamente da Roma, pur garantendo un avvicinamento da tutte le città d’Italia.

Il dinamismo del mercato ha visto l’ingresso di compagnie low cost sempre più attive e davvero per tutte le tasche!

Il neo ingresso è quello di Wizzair che vola da Milano Malpena e Roma, ma anche da Napoli e Venezia e dal prossimo mese di giugno anche da Catania.

Ryanair ed Easyjet hanno ripreso le rotazioni già schedulate prima della pandemia, aggiungendo qualche interessante novità.

Ryanair vola infatti da Milano Orio al Serio e da Roma Fiumicino, riconfermando le rotazioni da Bologna, aggiungendo le novità di rotazioni da Treviso, Torino e Bari.

Easyjet coferma i voli da Milano MXP con prospettive di volare nuovamente da Napoli.

Anche la compagnia Neos volerà con voli di linea da Verona e da Milano.

TRA SPORT E SPIRITUALITA’

APPUNTAMENTO CON LA MARATONA DI GERUSALEMME

Image

Credit Israel Ministry of Tourism

Sport che passione!

Israele si prepara alla prossima edizione della Maratona di Gerusalemme.

Purim a Gerusalemme. Crediti David Pazaulo

La festa ebraica di Purim, caratterizzata da sfilate in maschera, si svolgerà quest’anno dalla sera del 16 marzo al 17 marzo. A Gerusalemme e Safed, la festa sarà celebrata un giorno dopo, 17 – 18 marzo.

Purim commemora la salvezza del popolo ebraico nell’antico impero persiano dal complotto di Haman, perfido primo ministro del re Assuero desideroso di distruggere, uccidere e annientare tutti gli ebrei.