Ieri, presso la sede del Banco Alimentare di Pesaro ha preso il via a livello regionale l’accordo nazionale firmato nei mesi scorsi da CONFIDA – Associazione Italiana Distribuzione Automatica e Fondazione Banco Alimentare. La collaborazione prevede la raccolta e la donazione delle eccedenze alimentari del settore della distribuzione automatica da parte di Banco Alimentare ad enti convenzionati che offrono aiuto a famiglie e persone in difficoltà. Il patto arriva ora nelle Marche portando avanti un obbiettivo preciso: esortare le regioni ad adottare un atteggiamento più sostenibile nel settore del vending.

Erano presenti all’incontro, il Presidente delle Imprese di Gestione di Confida Pio Lunel, Michele Adt, Direttore di Confida, ed Emiliano Sapora il Delegato Confida delle Marche, l’Abruzzo e l’Umbria, insieme a Silvana Della Fornace, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Marche Onlus.

Il settore della distribuzione automatica è il comparto in cui l’Italia è leader a livello internazionale. Con oltre 820 mila distributori automatici installati, il nostro Paese precede la Francia che ne ha 626 mila e la Germania con 611 mila. Il primato dell’Italia riguarda inoltre anche la produzione delle vending machine, un prodotto della tecnologia italiana apprezzato e venduto in tutto il mondo.

Nelle Marche sono 86 le imprese del settore, suddivise nelle rispettive province: 29 ad Ancona, 20 a Macerata, 15 a Pesaro e Urbino, 11 ad Ascoli Piceno e 11 a Fermo.

“Il patto siglato tra CONFIDA e Banco Alimentare raggiunge oggi il centro della penisola: Marche, Umbria, Abruzzo e Molise si impegano a prestare maggiore attenzione nel settore della distribuzione alimentare – commenta Pio Lunel, Presidente delle Imprese di Gestione di CONFIDA – Grazie all’accordo sottoscritto dall’Associazione e dalla Fondazione durante Venditalia questo percorso prosegue regione dopo regione con la volontà di eliminare qualsiasi tipo di spreco nel settore”.

Per la gestione del progetto i Banchi Alimentari regionali saranno infatti collegati con le 11 Delegazioni Territoriali di CONFIDA a cui partecipano tutte le società di gestione della distribuzione automatica iscritte all’associazione.

“Il recupero delle eccedenze alimentari dai vari attori della filiera produttiva e distributiva è il cuore del nostro impegno quotidiano: riduciamo lo spreco e diamo nuovo valore ad alimenti ancora buoni, che distribuiamo gratuitamente ai 43mila bisognosi tramite i 260 enti caritativi nelle Marche convenzionati con noi” dichiara Silvana Della Fornace, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Marche Onlus. ” Si può fare ancora di più e siamo grati a CONFIDA che ci consente in tutta Italia e nella nostra regione di recuperare alimenti anche dalla distribuzione automatica”.

Di IN DIES