Marzo 9, 2022

Le Unioni Montane rispondono ai bisogni socio educativi dei minori provenienti dall’Ucraina

By IN DIES

Più di quarantamila euro per rispondere ai bisogni socio educativi dei minori che provengono dalle zone di guerra dell’Ucraina.

E’ il primo stanziamento che gli Ambiti Territoriali Sociali delle Unioni Montane di San Severino Marche, Camerino e San Ginesio hanno deciso di elargire a favore di bambini e bambine in fuga che anche la comunità maceratese è pronta ad accogliere.

Faranno parte dei fondi pure quelli destinati alla mediazione linguistica proprio per favorire l’inserimento nelle comunità locali. Poi il coordinamento di altre iniziative nei singoli Comuni delle tre Unioni.

Gli Ats, come molte altre realtà che operano sul territorio, non staranno certo a guardare.

“Come sempre accade – afferma il coordinatore degli Ambiti, il dottor Valerio Valeriani – le principali vittime sono le persone più fragili, tra cui i bambini. Essi non solo rischiano di perdere la vita ma stanno vivendo in questa situazione momenti altrettanto drammatici come lo strappo degli affetti, la perdita della propria casa, la perdita del diritto a giocare, quella dell’istruzione insieme alla perdita della crescita nel proprio ambiente. Stiamo assistendo, oltre che ad un terribile massacro di civili, anche ad una migrazione grandissima. Come prime misure – spiega ancora Valeriani -, gli Ambiti Sociali hanno pensato a risorse per pagare la retta per l’accesso agli asili nido e alle mense, risorse per poter pagare la possibilità di frequentare un’attività sportiva, per beni di prima necessità, per la messa in sicurezza delle persone. Accanto a queste abbiamo considerate anche risorse per la mediazione linguistica culturale, in maniera tale da facilitare appunto l’accoglienza che dovrà essere organizzata anche nei nostri territori. Quest’azione – aggiunge Valeriani – sarà replicata in tutti gli Ambiti delle tre Unioni. È chiaro che poi ci sarà bisogno di tante altre azioni: servirà aprire dei corridoi umanitari, servirà soprattutto che la guerra cessi”.