Castelfidardo, al via il Premio Internazionale della Fisarmonica

Condividi

Cinque giorni di concerti, seminari, audizioni, incontri e mostre. Con la fisarmonica protagonista indiscussa. Il Premio Internazionale della Fisarmonica di Castelfidardo è ai nastri di partenza. Da martedì 28 settembre, fino a sabato 2 ottobre, la cittadina marchigiana, patria dello straordinario strumento, accoglierà grandi interpreti e nuovi talenti pronti a sprigionare energia, gioia e vitalità.
Il Pif 2021 aprirà ufficialmente martedì 28 settembre con il grande concerto di Eugenio Bennato (ore 21.30, Parco delle Rimembranze), ma un assaggio si avrà già lunedì (Auditorium San Francesco, ore 21.30) con l’esibizione del maestro d’organetto Filippo Gambetta. Spettacolo, quest’ultimo, inserito nell’ambito del cartellone collaterale di spettacoli, Pif Off.
Tra i grandi volti della rassegna, quest’anno sotto la direzione artistica del Maestro calabrese Antonio Spaccarotella, c’è anche quello di Filippo Arlia che a 32 anni è il più giovane direttore d’Italia di un Conservatorio, oltre che fondatore e direttore dell’Orchestra Filarmonica della Calabria, la resident della manifestazione. Brillante e versatile musicista della scena internazionale, Arlia è protagonista fin da subito accompagnando Eugenio Bennato nel concerto di apertura. La Filarmonica calabrese sarà anche accanto agli oltre 200 concorrenti del Premio ed in particolare ai finalisti della categoria premio, il riconoscimento più importante, assegnato venerdì 1° ottobre ore 15 al Cinema Teatro Astra, da una giuria internazionale di qualità presieduta dal fisarmonicista e compositore Corrado Rojac.
Un ritorno a Castelfidardo per Arlia ad oltre 10 anni da una delle prime esibizione di Duettango, il progetto musicale che lo vede al piano al fianco del fisarmonicista e bandoneonista Cesare Chiacchieretta.
“Sono molto emozionato – ammette il Maestro Arlia – perché torno al Pif dopo così tanto tempo ed è un’emozione. Siamo, senza retorica, al Festival fisarmonicistico più importante e da quest’anno con i nomi che ci sono abbiamo un arricchimento del cartellone. I miei migliori auguri anche al direttore artistico Antonio Spaccarotella per la riuscita di questa edizione. Sarà anche molto interessante vedere come un Festival così blasonato nell’ambito della fisarmonica si apra a personaggi vicini a questo strumento ma non propriamente fisarmonicisti. Questo è un valore aggiunto perché significa che il Pif si prepara a respirare un’aria ancora più coinvolgente e internazionale”.
Proprio Duettango, con l’ex Matia Bazar Silvia Mezzanotte, sarà di scena il 1° ottobre alle 21.30 al Cinema Teatro Astra. Per l’occasione tornerà a suonare dopo oltre 80 anni il bandoneon appartenuto ad Astor Piazzolla bambino e usato per le sue prime composizioni, restaurato dalle mani sapienti degli artigiani fidardensi.
Tutto è pronto, dunque, per la 46° edizione del Pif, promosso da Comune e Pro loco di Castelfidardo, con il patrocinio di Regione Marche, Camera di Commercio di Ancona e Siae.
Una kermesse, fitta di iniziative, che promette di trascinare il pubblico in un vortice di emozioni, grazie a una proposta musicale di qualità, originalità e valore. Nell’occasione, i luoghi più significativi e suggestivi di Castelfidardo si animeranno da mattina a sera. Tra questi il Parco delle Rimembranze con il suo Monumento Nazionale delle Marche, dedicato all’Unità d’Italia, di cui si celebra il 160° anniversario, che proprio dalla famosa battaglia fidardense ebbe inizio.
Qui, come detto, si aprirà il Pif con lo spettacolo di Bennato e qui si concluderà, sabato 2 ottobre ore 21.30, con lo show di Stefano Bollani accompagnato dalla fisarmonica di Antonello Salis. Un gran finale per la rassegna, preceduto dal live del duo Antonello Salis e Simone Zanchini. In caso di pioggia i due concerti si terranno al Cinema Teatro Astra.

Ingressi:

Per accedere a tutti gli spettacoli sarà necessario esibire il green pass e indossare la mascherina.

I biglietti per gli spettacoli di Eugenio Bennato (28 settembre, ore 21.30, Parco delle Rimembranze), di Duettango con Silvia Mezzanotte (1° ottobre, ore 21.30, Teatro Astra) e per il doppio show di Antonello Salis e Simone Zanchini – Stefano Bollani e Antonello Salis (2 ottobre, ore 21.30, Parco delle Rimembranze) sono disponibili on line sul sito vivaticket.com.

Per assistere alle esibizioni dei virtuosi della fisarmonica Ksenija Sidorova e Pietro Roffi, Mirco Patarini e Renzo Ruggirei e Zbigniew Chojnacki occorrerà registrarsi al link https://bit.ly/PIF21FREE per motivi di sicurezza legati al rispetto delle misure anti – Covid.

La stessa procedura andrà seguita per le audizioni, per gli altri spettacoli con posti a sedere, la premiazione e tutte le iniziative collaterali.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito del Pif 2021: https://www.pifcastelfidardo.it/

Macerata Marche News

Cento arcieri si sfidano nel memorial Massimo Diamantini

Condividi

CondividiPiù di cento iscritti hanno preso parte, domenica scorsa, al Memorial Massimo Diamantini, prima gara del nuovo anno e ottava sfida del campionato invernale Fitast Aics della Federazione Italiana Tiro Arco Storico e Tradizionale. L’iniziativa è stata ospitata presso il crossodromo comunale di San Pacifico, a San Severino Marche, e promossa dal gruppo arcieri del […]

Leggi tutto
Cultura e Società Macerata Marche News

Immagini da un matrimonio nel nuovo calendario dei serraltani 2022

Condividi

CondividiIl giorno del sì con tante coppie felici e sorridenti, di ieri ma anche di oggi, in un grande ricordo collettivo riunito in dodici mesi. Ci sono una dozzina di immagini davvero speciali ad accompagnare le pagine del nuovo calendario che il Comitato frazione di Serralta ha dato alle stampe per salutare questo 2022. L’attesissima […]

Leggi tutto
Cultura e Società Macerata Marche News

Marche: presentazioni del libro “Dodici Presidenti. Vite da Quirinale da De Nicola a Mattarella”

Condividi

CondividiDalle macerie del Secondo Conflitto Mondiale all’emergenza pandemica, passando per il boom economico, la Guerra Fredda e gli anni di piombo e delle contestazioni. Dietro le quinte o sul palco, ma mai spettatori, dodici uomini hanno lasciato, ciascuno a suo modo, e con la forza delle proprie idee, un’impronta indelebile nella storia del Paese, orientandone […]

Leggi tutto