A Colpersito, dove frate Pacifico incontrò San Francesco

Condividi

Nello stesso luogo in cui probabilmente avvenne il primo incontro tra San Francesco e Guglielmo da Lisciano, poi diventato frate Pacifico a seguito di quella che fu una delle tante conversioni animate dal “Poverello di Assisi”, i Teatri di Sanseverino hanno organizzato, insieme alla famiglia francescana e alle Clarisse del monastero di Santa Chiara, la presentazione del libro “Francesco giullare di Dio. Raccontato ai giovani da frate Pacifico re dei versi”, pubblicato di recente dalle edizioni Francescane Italiane con la straordinaria premessa del Santo Padre.
Scritta da padre Raniero Cantalamessa, assente all’incontro perché coinciso con il giorno in cui il cardinale Cappuccino ha preso possesso della sua nuova sede romana, la pubblicazione è stata amabilmente presentata dal direttore dei Teatri di Sanseverino, Francesco Rapaccioni, e da padre Pietro Maranesi, scrittore e docente di teologia e di studi francescani che ha ricoperto, tra l’altro, anche l’incarico di direttore dell’Istituto superiore di scienze religiose di Assisi.
L’incontro si è tenuto nel giardino del convento di Colpersito, sotto gli ulivi che San Francesco tanto amava, ed è stato aperto dai saluti del sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, che ha ricordato la presenza, da tanti secoli ormai, di conventi e monasteri in città e la forte spiritualità che ancora oggi si vive in questi luoghi.
A seguire è intervenuto il cardinale Edoardo Menichelli il quale ha parlato della bellezza e dell’importanza del Creato superiore ad ambiente e natura perché termine riconducibile al Creatore. “L’uomo è solo di passaggio su questa terra – ha ricordato il cardinale – e deve essere custode di quello che gli viene lasciato”.
Con padre Pietro Maranesi il direttore dei Teatri, Rapaccioni, ha poi ripercorso le storie del libro di padre Cantalamessa e parlato dell’importanza della musica, della tematica del rapporto di San Francesco e di San Pacifico con i giovani, del loro approccio con la morte e del modo di affrontare la vita oltre che di altre tematiche che fanno parte della vita di San Francesco e che ci presentano le sue gesta, da sempre, come di grandissima attualità.
All’iniziativa hanno preso parte molte persone che si sono mostrate appassionate di conoscere questa storia ma anche, e soprattutto, desiderose di entrare nel vivo di temi sociali e spirituali molto alti. La conclusione del bel pomeriggio è stata affidata a fra Sergio Lorenzini, settempedano, Ministro provinciale dei frati minori Cappuccini delle Marche.

Cultura e Società Macerata Marche News Scienza e Tecnologia

Tolentino, sulle “Strisce blu” la sosta si può pagare con lo smartphone

Condividi

CondividiÈ ora attivo anche nel comune di Tolentino (MC) il servizio di pagamento delle soste nelle aree gestite con parcometro tramite l’app Telepass Pay: grazie alla collaborazione con ASSM S.p.a., società di gestione del servizio di sosta, è ora possibile pagare la sosta sulle strisce blu con il proprio smartphone, anche senza avere il Telepass […]

Leggi tutto
Macerata Marche News

Povertà Educativa, otto progetti a San Severino

Condividi

CondividiOtto progetti nati e pensati per spingere la povertà educativa un po’ più in là. Sono quelli realizzati, tra settembre e dicembre dello scorso anno, dall’assessorato ai Servizi Sociali del Comune di San Severino Marche, in attuazione di quanto previsto dal Decreto legge n. 73 del 25 maggio 2021 inerenti le “Misure urgenti connesse all’emergenza […]

Leggi tutto
Macerata Marche News

Cento arcieri si sfidano nel memorial Massimo Diamantini

Condividi

CondividiPiù di cento iscritti hanno preso parte, domenica scorsa, al Memorial Massimo Diamantini, prima gara del nuovo anno e ottava sfida del campionato invernale Fitast Aics della Federazione Italiana Tiro Arco Storico e Tradizionale. L’iniziativa è stata ospitata presso il crossodromo comunale di San Pacifico, a San Severino Marche, e promossa dal gruppo arcieri del […]

Leggi tutto