Porto Recanati (MC): imprenditoria femminile, la storia di Pina Telesca

Condividi

C’è anche una collaboratrice Uniquepels di Porto Recanati (MC) fra gli esempi di autoimprenditoria femminile scelti da Univendita, la maggiore associazione di categoria della vendita a domicilio, per raccontare come il settore contribuisce agli obiettivi del Recovery Plan.

Pina Telesca, 57 anni, è diventata imprenditrice partendo da una propria passione. Il suo percorso professionale l’ha portata ha gestire per Uniquepels una vasta area delle marche, offrendo a sua volta opportunità ad altre consulenti e team leader.

La donna ha imboccato con decisione la strada dell’autoimprenditorialità, senza avere esperienze precedenti nella vendita a domicilio. Anche lei, come altre, è partita dalla passione per i cosmetici, in questo caso quelli di Uniquepels, alta cosmesi prodotta in Trentino. «Prima di entrare in questa azienda avevo fatto tanti altri lavori che mi lasciavano poco tempo per seguire le mie figlie – racconta –. Ho cominciato con la vendita di prodotti di bellezza per sfida con me stessa e convinta della bontà di quello che proponevo». In poco tempo il passaparola permette a Telesca di crearsi un buon giro di clienti: dopo un solo anno apre la Partita Iva e dopo due l’azienda le propone di occuparsi dello sviluppo commerciale della sua area, addestrando e gestendo altre consulenti e team leader. Diventare imprenditrice è stato per lei un passaggio sereno perché l’azienda le è sempre stata vicina e l’ha aiutata a sviluppare la forma mentis necessaria, oltre a garantire formazione e strumenti. «Anche quest’anno sostegno e affiancamento non sono mai mancati – conclude –. Abbiamo approfondito la conoscenza dei social aprendoci un mondo, ma non solo, l’azienda si è preoccupata anche del nostro benessere psicofisico, per esempio mettendoci a disposizione video-corsi di Pilates. È un piccolo esempio per sottolineare che, nei momenti difficili, avere al tuo fianco una realtà solida fa tutta la differenza».