Settantasei anni fa furono sfondati i cancelli di Auschwitz

Condividi

messaggio del pres. della Provincia di Macerata, A. Pettinari

Settantasei anni fa sono stati sfondati i cancelli di Auschwitz dai carri armati dell’esercito sovietico.

A distanza di così tanto tempo da quel 27 gennaio 1945, resta ancora difficile guardare indietro e raccontare ciò che l’uomo è stato capace di fare a un suo simile. Uno dei crimini più ripugnanti commessi dal genere umano.

Orrori che prescindono dal colore politico di ciascuno di noi, fuori dalla dimensione umana.

Ricordare eventi come l’Olocausto, il genocidio nazifascista, è utile ad essere consapevoli di un fatto agghiacciante che è successo realmente e, in fondo, pochi anni fa. Condivido che il ricordo e la memoria siano fondamentali affinché quegli orrori non si ripetano mai più.

Ed è anche per questo che come Presidente della Provincia di Macerata negli anni scorsi avevo avviato, insieme ai Comuni e alle altre istituzioni, un percorso che coinvolgesse le nuove generazioni, andando negli istituti superiori del nostro territorio per celebrare il “Giorno della Memoria” e riflettere con i testimoni diretti su quei terribili momenti.

È bene che i nostri giovani siano consapevoli che nulla è scontato, la libertà è stata conquistata e anche molto faticosamente: la storia racconta momenti drammatici ed è importante capire a pieno il senso e le cause di questi fatti e garantire un futuro migliore, in cui tragedie come queste non accadano mai più.

Questa data simbolo, il 27 gennaio, deve aiutarci tutti quanti a ricordare le atrocità che porta la guerra: odio, segregazione, morte.

Faccio mie le parole espresse dallo scrittore Primo Levi, deportato nel campo di concentramento polacco di Auschwitz e scampato al lager. “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare”.

Parole fondamentali per capire che l’uomo deve affrontare tutti i giorni, senza timore, i problemi del vivere e dell’esistere e contrastare ogni forma di violenza e discriminazione.

Macerata Marche News

Elcito si trasforma in set cinematografico

Condividi

CondividiPer un fine settimana Elcito, località nota come il “Tibet delle Marche”, è tornato ad essere un importante set cinematografico grazie alle riprese del film tratto dal romanzo “E tutto iniziò a tremare” di David Miliozzi, che vede come protagonista l’attore e regista maceratese Simone Riccioni. Una storia a più capitoli, in parte girata all’interno […]

Leggi tutto
Cultura e Società Marche News

Storia della carta, Giornate del FAI a Fabriano

Condividi

CondividiUn’esperienza unica alla scoperta dei tesori custoditi dalla Fondazione Fedrigoni Fabriano, 500 metri lineari di documenti e 10.000 pezzi tra strumenti e macchinari per la fabbricazione della carta: un patrimonio straordinario, testimonianza della cultura cartaria di Fabriano e dei suoi oltre 750 anni di tradizione. Questo attende i fortunati visitatori che sabato 15 e domenica […]

Leggi tutto
Cultura e Società Marche News

ASIA GHERGO: Nuvole è il nuovo singolo della giovane cantautrice marchigiana

Condividi

CondividiEtereo, fatato, magico, doloroso, triste, sognante, sono alcune delle parole chiave che descrivono l’ambiente sonoro di questo nuovo singolo di Asia Ghergo. Un galleggiare nei ricordi, tra leggerezza ed emotività, che sospende il cuore, trasportandolo in una dimensione quasi fatata. Un brano semi acustico con un mood fatto di sensazioni che, a stento, distingue tra […]

Leggi tutto