Il nuovo Commissario prefettizio ha visitato il Centro del riuso di Castelraimondo

Condividi

Ridare una nuova vita a tanti oggetti del nostro passato che, salvati dalle scosse di terremoto, ora possono davvero tornare ad essere utili a chi, magari, vive in difficoltà.
E’ partita, e va avanti a pieno regime, l’attività del Centro del riuso di Castelraimondo, Centro gestito dall’Unione Montana Potenza Esino Musone.
Per potenziare lo stesso è entrato in funzione anche il servizio di trasporto dei materiali ingombranti per quei cittadini che non hanno la possibilità di poter consegnare gli stessi o ritirarli in autonomia.
Nelle scorse ore il nuovo commissario prefettizio, dottor Francesco Senesi, si è recato in visita alla struttura insieme al presidente dell’ente comunitario, Matteo Cicconi.
“Quello del Centro è sicuramente un servizio utile a tutto il territorio – spiega quest’ultimo – soprattutto in un momento come quello che stiamo vivendo con la ricostruzione post terremoto che avanza e che rende necessario liberare gli immobili da recuperare da tantissime cose vecchie. Per evitare che molte cose finiscano in discarica e far sì che abbiano una seconda vita abbiamo deciso di aprire il Centro. Un’operazione pensata e realizzata nell’ottica poi della sostenibilità e del recupero e in quella di evitare un inutile consumismo. Le cose che si prendono sono usate ma possono ancora godere di lunga vita. Per evitare ogni tipo di accaparramento di materiali abbiamo anche stabilito un contributo simbolico che va da 1 euro e fino a un massimo di 15 euro che si dovrà versare per ritirare tutto quello che si vuole”.
Il Centro del riuso di Castelraimondo è aperto nei seguenti giorni:
– martedì (dalle ore 9 alle ore 12)
– giovedì (dalle ore 15 alle ore 19)
– sabato (dalle ore 9 alle ore 12)
Per informazioni si può visitare la pagina Facebook “Centro del riuso Castelraimondo”.
Per il nuovo servizio di ritiro dei materiali ingombranti occorre prenotarsi al numero di telefono 07331898133 e versare un contributo di 20 euro.
Si ricorda che i cittadini possono liberamente conferire al Centro oggetti usati, come ad esempio giochi, arredamento, libri, materiali per bambini, oggetti per la casa che saranno presi in consegna dagli addetti per poter essere richiesti da chi ne ha bisogno.