A Macerata arriva Alfonsino e assume 50 rider

Condividi

Per supportare i ristoratori ed evitare il crollo dei clienti, a Macerata sta per arrivare Alfonsino, https://alfonsino.delivery/, il delivery sostenibile che permette di ordinare anche da Facebook . Già attivo in oltre 300 comuni di Italia, per l’avvio del servizio di consegne di cibo a domicilio nella città marchigiana assumerà 50 rider.

Da una recente analisi Coldiretti/Censis, la consegna di pasti a domicilio dopo l’emergenza sanitaria, interessa quasi quattro italiani su dieci che hanno ordinato dal telefono o dal proprio pc pizza, piatti etnici o veri e propri cibi gourmet durante l’anno.

Ma se i grandi colossi del food delivery puntano a coprire le grandi città italiane, a fornire un servizio di consegne a domicilio ai piccoli centri, è Alfonsino Delivery, https://alfonsino.delivery/, che permette di ordinare dai migliori ristoranti, trattorie, sushi bar della città in modo semplice, via chat su Facebook Messenger oppure attraverso la classica App e ricevere il proprio pasto in 30 minuti.

Proprio in questi giorni, dopo le aperture di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto, il servizio di Delivery annuncia di raggiungere Macerata, permettendo così agli abitanti che vivono nel raggio di 4 km e mezzo dal centro di poter ricevere comodamente a casa il proprio pasto.

Nato a Caserta nel novembre del 2016, dall’ingegno ed intuizione di Carmine Iodice, Domenico Pascarella e Armando Cipriani, Alfonsino è già attivo in più di 300 comuni italiani, 6 regioni e può contare su oltre 700 ristoratori partner tra cui Burger King, Grom e Old Wild West.

“Alfonsino nasce per offrire un approccio più “umano” e più vicino alle esigenze delle comunità locali e agli abitanti delle piccole città che spesso sono costretti ad uscire per recarsi al solito take away sotto casa”- spiega Domenico Pascarella, co-founder di Alfonsino.

Per Macerata la startup vuole assumere entro i prossimi mesi una cinquantina di nuovi collaboratori.