San Severino: otto fonti storiche

Condividi

Una miniguida per scoprire otto luoghi simbolo della città degli Smeducci. Curata dal professor Egidio Pacella la pubblicazione, dal titolo “Percorso urbano delle fonti di San Severino Marche”, è stata presentata nella sala Aleandri del teatro Feronia dall’autore che ha realizzato lo straordinario lavoro con la collaborazione di Donella Bellabarba, Piera Angeloni, Paolo Gobbi, Marisa Ventura e Piergiorgio Della Mora.
Presenti all’incontro anche il primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, l’assessore comunale alla Cultura, Vanna Bianconi, la presidente della Pro Loco, Paola Miliani.
Dalla fonte della Misericordia, in piazza del Popolo, alla fonte dell’Isola attraverso un percorso che prosegue per via della Pitturetta, via Santa Barbara per arrivare a Castello e da qui ridiscendere fino alla fonte delle Sette Cannelle, luogo sicuramente tra i più scenografici di quelli presenti nel mini tour. Otto tappe che arrivano fino a via San Pacificio Divini, San Lorenzo e via Salimbeni, dove troverete ad aspettarvi la fonte del Leone. L’itinerario ripasserà poi da piazza Del Popolo, il cui ovale fa da scenario allo zampillio delle due fontale, fino ad arrivare al borgo Fontenuova.
L’acqua, in particolare quella portata a valle dal fiume Potenza, e le fonti sono da sempre la clessidra dello scorrere del tempo in città. Hanno segnato lo sviluppo economico ma anche la vita di tantissimi settempedani. Luoghi di ritrovo e di socializzazione, oggi le fonti conservano intatto un grandissimo fascino.
“Grazie all’acqua nel XIII San Severino Marche – ha ricordato Donella Bellabarba insieme all’autore della pubblicazione, Egidio Pacella – divenne un importante centro di produzione della lana e della seta ma anche luogo dove esistevano numerose concerie e cartiere. Queste ultime furono le prime ad essere istituite in Italia, dopo quelle di Fabriano”.
Tra le testimonianze di questo antico quanto glorioso passato anche Borgo Conce, esempio d’archeologia industriale unico nelle Marche e in Italia.
Ad agosto Egidio Pacella riproporrà i contenuti della sua miniguida con una visita guidata ai luoghi dai quali ha tratto ispirazione. La brochure contiene anche una pianta della città. La pubblicazione, col patrocinio di Comune e Pro Loco, è stata possibile anche grazie ai contributi della ditta Piancatelli strutture metalliche e della società di trasporti Contram.

Cultura e Società Marche News

Laterza: weekend di cultura ad ASCOLI PICENO

Condividi

CondividiVenerdì 22 e sabato 23 ottobre 2021 si svolgerà ad Ascoli Piceno la festa per i 120 anni della casa Editrice Laterza, tra i maggiori e rilevanti marchi editoriali italiani, che del 1901 ha fatto della diffusione della cultura e del sapere il suo fulcro e obiettivo. Era il 10 maggio del 1901 quando il […]

Leggi tutto
Cultura e Società Marche News Scienza e Tecnologia

Da Numana a Dubai per la copertura della “promenade” a Expo

Condividi

CondividiSi chiama i-Mesh la giovane azienda marchigiana che ha realizzato la copertura della promenade di Expo 2020 Dubai. 2,7 km di tessuto tecnico per l’architettura – per una superficie totale di 52.500 mq – realizzato in Italia: un materiale tessile high-tech e green, risultato più performante, più sostenibile, più versatile per il clima locale. Il […]

Leggi tutto
Cultura e Società Intrattenimento Macerata Marche News

Macerata: Genius Loci il 21 ottobre da Verde Caffè

Condividi

CondividiIl prossimo appuntamento di Genius Loci, il progetto vincitore del bando della Regione “Marche, dalla vigna alla tavola”, è in cartellone per il 21 ottobre da Verde Caffè in corso della Repubblica. I piatti proposti saranno accompagnati dai vini delle aziende agricole Bastianelli (Igp Marche bianco, Passerina), La Valle del Sole (Offida, Pecorino Docg) e […]

Leggi tutto