Strani geloni ai piedi: può essere infezione da Coronavirus

Condividi

Lesioni ai piedi sono state rilevate nei pazienti infettati da Coronavirus, erano soprattutto bambini e adolescenti, ma, in alcuni casi anche adulti.

Una settimana fa, ne aveva dato notizia Il Messaggero, riportando la notizia che dei geloni ai piedi erano stati riscontrati in vari soggetti asintomatici, positivi al Coronavirus.

Per questo, un gruppo di specialisti in una lettera indirizzata al presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, aveva chiesto di tenere presente il fatto.

Tale sintomatologia era stata segnalata anche dall’Associazione dei Dermatologi francesi.

Il Consiglio Generale dei Collegi Ufficiali dei Podologi spagnoli, ugualmente, aveva segnalato numerosi casi di malati, soprattutto bambini e giovani, che avevano piccole lesioni dermatologiche ai piedi e questo si era rivelato un sintomo precoce di infezione da CoVid-19.

Numerosi casi sono stati, dunque osservati in diversi paesi: in Italia, in Francia, in Spagna…

Il sintomo consiste in eruzioni cutanee o lesioni viola (molto simili a quelle della varicella, del morbillo o dei geloni) che di solito si manifestano intorno alle dita dei piedi e che guariscono senza lasciare alcun segno sulla pelle.

Ovviamente, per il breve tempo trascorso, non si può ancora parlare di prove scientifiche. Tuttavia, i medici esortano ad essere molto vigili, perché queste lesioni possono essere un segno precoce di infezione da Coronavirus e rilevarle può aiutare a prevenire il contagio.

 

In evidenza News

Le allergie stagionali e il polline agevolano il Covid

Condividi

CondividiAlte concentrazioni di polline nell’aria contribuiscono ad aumentare il tasso di infezione da COVID-19, ostacolando la risposta immunitaria del corpo umano, secondo un nuovo studio internazionale pubblicato sulla rivista scientifica PNAS. Gli scienziati dicono che gli individui ad alto rischio infezione dovrebbero indossare mascherine  FFP2, quando ci sono alte concentrazioni di polline primaverile. “Risciacqua i capelli quando torni a casa, cambia i vestiti e lava spesso federe e altre lenzuola. Aspira spesso…e tieni presente che gli animali domestici che rimangono fuori possono portare il polline con la loro pelliccia”, ha detto  Aslog Dahl, ricercatore dell’Università di Göteborg, uno dei ricercatori che ha contribuito allo studio epidemiologico, fatto in 31 paesi del mondo, sulla correlazione tra il tasso di infezione da Coronavirus e il livello di polline nell’aria. Per Dahl, è anche sconsigliato aprire le finestre durante i periodi con alte concentrazioni di polline,  anche per coloro che non hanno allergie ai pollini.

Leggi tutto
In evidenza

Giovani: 1 studente su 3 scarta a priori i mestieri tecnico-pratici e gli ITS

Condividi

CondividiScienza, tecnologia, ingegneria e matematica saranno le discipline cardine per i lavori del futuro. Ne sono convinti 6 alunni delle scuole superiori su 10. Ma questo non basta per trasformare le STEM in una scelta di massa. Al primo posto, nella scala di priorità degli studenti, resta la voglia di assecondare le proprie aspirazioni: dopo […]

Leggi tutto
Bellezza Benessere Macerata Marche News

Porto Recanati (MC): imprenditoria femminile, la storia di Pina Telesca

Condividi

CondividiC’è anche una collaboratrice Uniquepels di Porto Recanati (MC) fra gli esempi di autoimprenditoria femminile scelti da Univendita, la maggiore associazione di categoria della vendita a domicilio, per raccontare come il settore contribuisce agli obiettivi del Recovery Plan. Pina Telesca, 57 anni, è diventata imprenditrice partendo da una propria passione. Il suo percorso professionale l’ha […]

Leggi tutto