Aprile 14, 2020

Torneremo a baciarci

By IN DIES
Condividi

L’agenzia di stampa AFP ha chiesto al famoso neurofisiologo colombiano naturalizzato americano Rodolfo Llinas, quale impatto potrà avere sul cervello umano la pandemia da Coronavirus, con i problemi che comporta.

A 85 anni, questo neurofisiologo, uno tra i più famosi al mondo, autore del volume “Il cervello e il mito del sé” ha detto che torneremo ad abbracciarci e a baciarci.

I duri esperimenti generati dal nuovo coronavirus non saranno dimenticati, ma, tutto passerà, la pandemia non è una guerra, durante la quale la gente si odia e si uccide.

Quando tutto sarà passato, dopo quattro o cinque mesi, forse un po’ di più, questo periodo sarà dimenticato come tutte le pandemie. Morte, tristezza, difficoltà locali sono destinate a scomparire.

All’inizio le persone saranno riluttanti ad avere contatti diretti. Ma il rapporto con l’altro è estremamente importante. Una volta che le persone potranno baciarsi senza che gli succeda qualcosa, inizieranno a farlo di nuovo.

Il contenimento, lo stare a casa non avrà effetti dannosi sul cervello. Le persone a casa possono fare le cose, inventarle, scriverle. Due o tre mesi possono facilmente essere superati.

Alcuni dicono che essere rinchiusi interrompe il sonno o la concentrazione. Questo può accadere per tre o quattro giorni. E’ un’isteria momentanea, in cui la gente dice che sta morendo di noia, ma non è vero. La noia non è mortale, secondo l’esperto, interpellato da AFP, che ha lavorato per la Nasa e ha diretto il Dipartimento di Fisiologia e Neuroscienze presso la New York University School of Medicine.