I robot aiuteranno medici e infermieri nelle malattie contagiose

Condividi

Non rubano solo posti di lavoro, i robot possono essere utili per compiere alcune operazioni in caso di pandemia.

Un gruppo di robot si è occupato temporaneamente dei pazienti in un ospedale improvvisato a Wuhan, la città cinese dove è iniziata l’epidemia di COVID-19.

I robot servivano pasti, rilevavano le temperature e comunicavano dati.

L’ospedale da campo intelligente era completamente gestito da robot. Una piccola equipe medica controllava da remoto i robot dell’ospedale da campo. I pazienti indossavano braccialetti che raccoglievano la pressione sanguigna e altri parametri vitali.

La clinica intelligente ha gestito i pazienti solo per alcuni giorni, ma ha prefigurato un futuro in cui i robot tenderanno ad essere utilizzati con i pazienti con malattie contagiose, mentre gli operatori sanitari li gestiscono a distanza di sicurezza.

Medici e infermieri possono controllare i robot utilizzando un computer esterno alla stanza, in cui sono i pazienti, e possono intrattenere conversazioni con loro, tramite lo schermo e la fotocamera.

Alcuni robot possono controllare a distanza i polmoni dei pazienti mentre respirano o consegnare medicine e pasti ai ricoverati con diagnosi di COVID-19 o con sospetta infezione.

Il robot riduce, dunque, il numero dei contatti con i pazienti, diminuendo così il rischio per gli operatori sanitari.

Le macchine robotiche possono anche essere inviate per cercare la presenza del virus, ad esempio sulle cabine di una nave da crociera.

Inoltre, gli ospedali si stanno rivolgendo ai robot per sanificare le stanze, i corridoi e le maniglie delle porte.

Le innovazioni all’orizzonte includono l’uso di droni dotati di sensori e telecamere per scansionare la folla alla ricerca delle persone che mostrano i sintomi di infezione da coronavirus.

In evidenza News

Le allergie stagionali e il polline agevolano il Covid

Condividi

CondividiAlte concentrazioni di polline nell’aria contribuiscono ad aumentare il tasso di infezione da COVID-19, ostacolando la risposta immunitaria del corpo umano, secondo un nuovo studio internazionale pubblicato sulla rivista scientifica PNAS. Gli scienziati dicono che gli individui ad alto rischio infezione dovrebbero indossare mascherine  FFP2, quando ci sono alte concentrazioni di polline primaverile. “Risciacqua i capelli quando torni a casa, cambia i vestiti e lava spesso federe e altre lenzuola. Aspira spesso…e tieni presente che gli animali domestici che rimangono fuori possono portare il polline con la loro pelliccia”, ha detto  Aslog Dahl, ricercatore dell’Università di Göteborg, uno dei ricercatori che ha contribuito allo studio epidemiologico, fatto in 31 paesi del mondo, sulla correlazione tra il tasso di infezione da Coronavirus e il livello di polline nell’aria. Per Dahl, è anche sconsigliato aprire le finestre durante i periodi con alte concentrazioni di polline,  anche per coloro che non hanno allergie ai pollini.

Leggi tutto
In evidenza

Giovani: 1 studente su 3 scarta a priori i mestieri tecnico-pratici e gli ITS

Condividi

CondividiScienza, tecnologia, ingegneria e matematica saranno le discipline cardine per i lavori del futuro. Ne sono convinti 6 alunni delle scuole superiori su 10. Ma questo non basta per trasformare le STEM in una scelta di massa. Al primo posto, nella scala di priorità degli studenti, resta la voglia di assecondare le proprie aspirazioni: dopo […]

Leggi tutto
Macerata Marche News Scienza e Tecnologia

Infrastruttura Li-Fi all’Istituto di istruzione superiore “Costanza Varano” di Camerino

Condividi

CondividiAlta tecnologia per l’Istituto di istruzione superiore “Costanza Varano” di Camerino. Nel polo scolastico in località Madonna delle carceri sarà infatti realizzata una infrastruttura Li-Fi che permetterà il contemporaneo accesso alla rete degli studenti e del docente presenti all’interno dell’aula multimediale, annullando le emissioni di campi elettromagnetici nella scuola. Si tratta del primo impianto installato […]

Leggi tutto