Coronavirus, lavarsi spesso i capelli

Condividi
foto Pixnio

Mentre il Coronavirus sta tenendo in scacco il mondo, i ricercatori e gli esperti stanno cercando di vedere per quanto tempo il virus potrebbe sopravvivere su determinate superfici.

Sono giunti alla conclusione che il virus della Sars Cov-2 può sopravvivere da alcune ore a diversi giorni, a seconda della superficie e di altre condizioni. Quando si tratta di acciaio inossidabile e plastica, per esempio, il coronavirus può vivere in superficie per due o tre giorni, secondo una ricerca del National Institute of Health (Istituto Nazionale di Sanità statunitense).

Il dottor Saad Omer, direttore dello Yale Institute for Global Health, ha detto che non è stato provato quanto il nuovo virus possa sopravvivere sui capelli, in mezzo all’epidemia di coronavirus, ma ha detto che di solito, i virus sopravvivono meno sulle superfici porose, come i capelli, rispetto a a quanto vivano sulle superfici lisce, come l’acciaio inossidabile.

Sugli eventuali capelli caduti, se ci sono delle goccioline provenienti dallo starnuto o dal respiro di una persona infetta, il virus potrebbe vivere, per un massimo di tre giorni, come ha spiegato Adam Friedman, dermatologo nella George Washington School of Medicine and Health Sciences (Usa).

I capelli normali e non caduti, però, sono protetti dal sebo naturale, che li ricopre e che agisce come un protettore, avendo alcune proprietà antimicrobiche.

Ma non possiamo fare affidamento solo sul sebo naturale, soprattutto perché la quantità di esso varia per ogni persona e per ogni tipo di capelli, ha detto Friedman precisando che il modo migliore per stare al sicuro è quello di lavarsi spesso i capelli.

Fonte Today

In evidenza News

Le allergie stagionali e il polline agevolano il Covid

Condividi

CondividiAlte concentrazioni di polline nell’aria contribuiscono ad aumentare il tasso di infezione da COVID-19, ostacolando la risposta immunitaria del corpo umano, secondo un nuovo studio internazionale pubblicato sulla rivista scientifica PNAS. Gli scienziati dicono che gli individui ad alto rischio infezione dovrebbero indossare mascherine  FFP2, quando ci sono alte concentrazioni di polline primaverile. “Risciacqua i capelli quando torni a casa, cambia i vestiti e lava spesso federe e altre lenzuola. Aspira spesso…e tieni presente che gli animali domestici che rimangono fuori possono portare il polline con la loro pelliccia”, ha detto  Aslog Dahl, ricercatore dell’Università di Göteborg, uno dei ricercatori che ha contribuito allo studio epidemiologico, fatto in 31 paesi del mondo, sulla correlazione tra il tasso di infezione da Coronavirus e il livello di polline nell’aria. Per Dahl, è anche sconsigliato aprire le finestre durante i periodi con alte concentrazioni di polline,  anche per coloro che non hanno allergie ai pollini.

Leggi tutto
In evidenza

Giovani: 1 studente su 3 scarta a priori i mestieri tecnico-pratici e gli ITS

Condividi

CondividiScienza, tecnologia, ingegneria e matematica saranno le discipline cardine per i lavori del futuro. Ne sono convinti 6 alunni delle scuole superiori su 10. Ma questo non basta per trasformare le STEM in una scelta di massa. Al primo posto, nella scala di priorità degli studenti, resta la voglia di assecondare le proprie aspirazioni: dopo […]

Leggi tutto
Bellezza Benessere Macerata Marche News

Porto Recanati (MC): imprenditoria femminile, la storia di Pina Telesca

Condividi

CondividiC’è anche una collaboratrice Uniquepels di Porto Recanati (MC) fra gli esempi di autoimprenditoria femminile scelti da Univendita, la maggiore associazione di categoria della vendita a domicilio, per raccontare come il settore contribuisce agli obiettivi del Recovery Plan. Pina Telesca, 57 anni, è diventata imprenditrice partendo da una propria passione. Il suo percorso professionale l’ha […]

Leggi tutto