Categorie
Benessere Salute

Odori, sapori…il CoVid-19 può attaccare il sistema nervoso

Condividi

I virus a RNA, famiglia a cui appartiene anche il Coronavirus responsabile dell’attuale pandemia, sono in grado di infettare organi e sistemi ulteriori a quello respiratorio, come ad esempio il sistema nervoso.

Ci sono alcuni dati preliminari a favore di una invasione del virus COVID-19 nel sistema nervoso centrale.

Il Prof. Vincenzo Silani, Professore Ordinario di Neurologia e Direttore della Scuola di Specializzazione in Neurologia dell’Università degli Studi di Milano,Direttore dell’Unità Operativa di Neurologia e Stroke Unit di Auxologico, ha
spiegato in che modo il Coronavirus può colpire il sistema nervoso e quali sintomi neurologici potrebbero presentarsi in pazienti affetti da COVID-19.

Studi relativi all’infezione da coronavirus suggeriscono che possa esserci un interessamento neurologico, e che il virus possa colpire il sistema nervoso centrale e periferico nonché il muscolo.
Alcuni dei pazienti positivi all’infezione da coronavirus riportano anche sintomi neurologici quali:

ipo-ageusia, cioè ridotta capacità di percepire i sapori;
iposmia, percezione limitata o assente degli odori;
neuralgia o ipoestesie;
ipostenie flaccide;
mialgie;
cefalea;
vertigini;
disturbi dello stato di coscienza;
atassia, cioè difficoltà nell’eseguire movimenti volontari;
disturbi neurologici severi come ictus, crisi epilettiche, delirio, coma, meningoencefalite.

Si tratta di sintomi in un primo momento ritenuti secondari rispetto a quelli più “urgenti” relativi alle vie respiratorie, ma che oggi, fortunatamente anche
grazie al progredire degli studi e delle scoperte sul funzionamento del COVID-19, ricevono considerazione sempre maggiore.

DAL NASO AL SISTEMA NERVOSO
Tra i sintomi riportati l’iposmia – cioè una ridotta o assenza di sentire gli odori – suggerisce agli specialisti che il coronavirus possa, attraverso il naso, raggiungere e infettare il sistema nervoso centrale in regioni critiche della regolazione del sistema autonomo, oltre che quello respiratorio.

QUAL È IL RUOLO DEL NEUROLOGO?
I neurologi sono preparati alla gestione dei pazienti affetti da malattie infettive.
Circa il 10% dei pazienti ospedalizzati per coronavirus necessita di assistenza in reparti di terapia intensiva e questo tipo di ospedalizzazione comporta anche un attento monitoraggio neurologico, per verificare l’eventuale insorgenza di problematiche neurologiche e di eventuali
complicanze a distanza, post infettive.
Il ruolo del neurologo è anche quello di collaborare attivamente con gli infettivologi nell’eventuale scelta delle terapie, tenendo conto delle possibili e importanti interazioni farmacologiche, come quelle tra anti-virali e antiepilettici o anticoagulanti orali.

In questi giorni, il Prof. Silani ha preso parte alla stesura di un importante documento della Società Italiana di Neurologia (SIN), quale membro di una équipe composta da 7 tra i massimi specialisti in neurologia in Italia.

Scarica il documento scientifico:
https://www.auxologico.it/approfondimenti/aspetti-neurologici-dellinfezione-covid-19