Coronavirus: come togliere i guanti per non infettarsi

Condividi

A causa dell’emergenza Coronavirus, i guanti in lattice e in generale i guanti monouso sono letteralmente andati a ruba. Poiché infatti il virus può sopravvivere a lungo sulle superfici, e l’infezione COVID19 manifestarsi in conseguenza del semplice contatto, i guanti in lattice sterili possono essere una barriera efficace, purché si osservino alcune buone pratiche fondamentali, come suggerite dall’Istituto Superiore di Sanità.

COME TOGLIERE CORRETTAMENTE I GUANTI MONOUSO
Lo scopo di questa tecnica semplicissima è quello di non toccare mai la pelle con la parte esterna del guanto, potenzialmente infetta.

1. Pizzica il guanto all’altezza del polso, con il pollice e l’indice della mano
opposta.
2. Solleva il guanto e sfilalo facendo in modo che si rovesci su se stesso.
3. Con la mano ora senza il guanto, infila il dito sotto il bordo del guanto
della mano opposta.
4. Solleva il guanto e sfilalo facendo in modo che si rovesci su se stesso.

I GUANTI MONOUSO NON SOSTITUISCONO L’IGIENE DELLE MANI
Anche indossando i guanti, è importante continuare a eseguire una frequente igienizzazione delle mani, lavandole con acqua e sapone o – quando ciò non è possibile – con le soluzioni disinfettanti attualmente in commercio (gel, salviette ecc.).
Il lavaggio dev’essere accurato e durare almeno 60 secondi.

CAMBIA I GUANTI DOPO OGNI UTILIZZO
I guanti monouso sono, come dice il nome stesso, utilizzabili una sola volta e vanno smaltiti correttamente dopo che ce ne siamo serviti. Il riutilizzo ne
compromette l’utilità annullandone l’efficacia, perché una volta usati non sono più sterili.
I guanti vanno quindi cambiati dopo ogni singolo utilizzo, o comunque quando si sporcano.
DOVE SI GETTANO I GUANTI MONOUSO?
A prescindere dal materiale di cui sono fatti, i guanti vanno smaltiti con i rifiuti indifferenziati.
DURANTE L’USO DEI GUANTI, NON TOCCARE OCCHI NASO E BOCCA
Lo scopo dei guanti in lattice è quello di impedire che il virus eventualmente presente sulle superfici che tocchiamo entri in contatto con il nostro corpo.
Se quindi, con i guanti addosso, ci tocchiamo occhi, naso o bocca – che sono vie privilegiate per l’ingresso del virus nell’organismo – ne annulliamo l’effetto.
CHI DEVE USARE I GUANTI?
Dovrebbe sempre indossare i guanti chi opera in particolari contesti lavorativi, per esempio il personale addetto alle pulizie dei locali, alla ristorazione o al commercio di alimenti e chi in generale maneggia generi alimentari.
A questi si aggiunge ovviamente tutto il personale sanitario, per cui i guanti
sono indispensabili, e chi in generale offre assistenza ospedaliera o domiciliare a malati.

Guarda il video: https://www.auxologico.it/approfondimenti/coronavirus-
togliere-guanti-chirurgo
Il video è stato realizzato in collaborazione con il Dott. Andrea Galli, chirurgo generale di Auxologico che ci fornisce consigli su come togliere
correttamente i guanti in lattice monouso per non comprometterne l’efficacia.

Bellezza Benessere Macerata Marche News

Porto Recanati (MC): imprenditoria femminile, la storia di Pina Telesca

Condividi

CondividiC’è anche una collaboratrice Uniquepels di Porto Recanati (MC) fra gli esempi di autoimprenditoria femminile scelti da Univendita, la maggiore associazione di categoria della vendita a domicilio, per raccontare come il settore contribuisce agli obiettivi del Recovery Plan. Pina Telesca, 57 anni, è diventata imprenditrice partendo da una propria passione. Il suo percorso professionale l’ha […]

Leggi tutto
Bellezza Benessere Salute

Medicina estetica, i cinque trend del 2021

Condividi

CondividiNonostante gli effetti del coronavirus su vita quotidiana ed economica, la richiesta di medicina estetica non ha subito flessioni nel 2020 e nel 2021 è destinata a crescere. Non è un paradosso bensì la conseguenza del nuovo stile di vita degli italiani, che tra selfie, pervasività dei social e uso costante dei mezzi di video […]

Leggi tutto
Benessere Marche News Salute

Pesaro, Coronavirus e buone prassi nella gestione dell’epatite C

Condividi

Condividi“Dobbiamo assolutamente approfittare di questa collaborazione tra i centri per le dipendenze patologiche, gli infettivologi e gli epatologi per prendere in carico e trattare i pazienti con epatite C, usufruendo anche dei fondi messi a disposizione dallo Stato con la riallocazione delle risorse per i farmaci antivirali”. A dirlo il professor Francesco Barchiesi, direttore della […]

Leggi tutto