foto Pixabay
foto Pixabay

E’ stato detto, finora, che il coronavirus non infetta gli animali da compagnia. Almeno così era stato per gli altri coronavirus, come Sars e Mers, ma il cane da compagnia di un paziente di Hong Kong, affetto da coronavirus, è a sua volta stato infettato a “basso livello” dal virus.

Probabilmente è il primo caso noto di trasmissione da uomo a animale.

La scorsa settimana il cane era risultato debolmente positivo per il virus, sollevando la questione se fosse stato contaminato da tracce del virus che erano nei suoi dintorni o se fosse stato effettivamente infettato dalla nuova malattia che sta dilagando a livello globale.

Ulteriori test hanno confermato l’esistenza del virus nelle cavità nasali e orali dell’animale, cosa “che indica un basso livello di infezione”, come ha dichiarato il dipartimento agricolo e della pesca di Hong Kong.

“È probabile che si tratti di una trasmissione da uomo a animale”, ha affermato il Dipartimento del Paese, rilevando di aver consultato esperti dell’Università di Hong Kong, della City University di Hong Kong e dell’Organizzazione mondiale per la salute animale.

Il cane non mostra alcun sintomo di COVID-19 e rimarrà in quarantena fino a quando non sarà negativo, ha detto il Dipartimento.

L’Organizzazione mondiale per la salute degli animali ha avvertito che non ci sono prove che gli animali domestici trasmettano il virus all’uomo: “Tuttavia, poiché gli animali e le persone a volte possono condividere malattie … si raccomanda comunque che le persone che sono malate con COVID-19 limitino il contatto con compagni e altri animali fino a quando non si hanno ulteriori informazioni sul virus. ”

Il cane infettato a Hong Kong è un Pomerania, e sarà restituito al suo proprietario una volta che sarà dichiarato privo di infezione, ha detto il Dipartimento agricolo e della pesca di Hong Kong.

Di IN DIES