Italiani, popolo di nostalgici e accumulatori seriali

Condividi

Gli italiani, soprattutto quelli che vivono nelle grandi città, abitano in case sempre più piccole. La conferma arriva dall’ultima indagine del Gruppo Tecnocasa: a Milano, per quanto riguarda le compravendite, nel primo semestre del 2019 è il bilocale la tipologia di abitazione più richiesta con il 45,1% delle preferenze. Analoga la tendenza sul fronte degli affitti: sempre nel capoluogo lombardo è aumentata del 6,1% la domanda di monolocali e del 4,2% quella di bilocali.

Inevitabile, dunque, che lo spazio a disposizione, nella vita di tutti i giorni, si assottigli sempre di più: oltre a essere di piccole dimensioni, spesso le case in cui abitiamo sono prive di cantine e solai adeguati dove poter lasciare gli oggetti, dall’abbigliamento stagionale alla cassapanca della nonna, dai quali abbiamo deciso di separarci (ma non del tutto) o che per il momento non ci servono.

Ce ne accorgiamo quando siamo alle prese con il cambio degli armadi, ma anche in molte altre circostanze: quando si trasloca, di ritorno da una vacanza, in caso di trasferimento in un’altra città per motivi di lavoro o studio, in vista di una ristrutturazione o di una semplice tinteggiatura dell’appartamento in cui si vive, ma anche se ci si separa, si divorzia o, per qualunque ragione, si cambia vita.

Staccarsi dalle proprie cose, però, non è sempre un’operazione semplice, anche perché non è detto che i vecchi oggetti siano destinati inevitabilmente alla discarica, anzi: alcuni di loro, infatti, possono essere recuperati e riportati a nuova vita, in un ciclo virtuoso che è alla base dell’economia circolare, un nuovo paradigma basato sui concetti di sostenibilità e spreco zero, che da tempo sta spopolando in Europa.

Per fortuna, da diversi anni anche in Italia è sempre più diffuso il self-storage, un servizio che mette a disposizione di chi ne ha bisogno (privati, professionisti, commercianti, imprese) spazi, magazzini e box temporanei per il deposito degli oggetti.

Azienda leader di questo settore è Casaforte, che opera in Italia dal 2000 e che oggi è presente con gli “Hotel delle cose” in 17 città: Bergamo, Biella, Bolzano, Brescia, Foggia, Genova, Milano (4 strutture, di cui una a Corsico e una a Cologno Monzese), Novara, Padova, Pistoia, Roma (2 strutture), Sanremo, Torino (due strutture), Treviso, Varese, Verona e Vicenza.

A seconda delle esigenze, i clienti di Casaforte hanno a disposizione varie soluzioni e spazi “a metratura variabile”, da una superficie minima di un metro quadrato a 100 mq, con costi che partono da 1,5 euro al giorno.

Gli “Hotel delle cose” di Casaforte sono videosorvegliati e dotati di sistemi di allarme: i clienti vi possono accedere in totale autonomia e in piena privacy, utilizzando un codice personale. Gli oggetti vengono custoditi in spazi puliti, asciutti e assicurati e l’accesso ai depositi è garantito 6 giorni su 7 per 12 ore al giorno; in alcuni centri è possibile addirittura accedere 7 giorni su 7, 24 ore su 24.

La flessibilità offerta da Casaforte è totale: si può affittare un deposito anche per poche settimane, un mese o un anno, con la possibilità di estendere la durata per tutto il tempo che serve, in base alle proprie effettive esigenze. E, quando si decide di rientrare in possesso delle proprie cose, è sufficiente comunicarlo con un preavviso di 15 giorni.

Dal comò all’ombrellone da spiaggia: avanti, c’è posto!

Divani, sedie, tavoli e tavolini. Ma anche comodini, lampade e pezzi vintage che, chissà, un domani possono sempre tornare di moda: com’è facilmente intuibile, sono i mobili e i complementi di arredo gli oggetti dai quali, più di altri, gli italiani decidono di liberarsi, anche solo temporaneamente.

Ai primi posti figurano anche i libri, le collezioni di fumetti e di dischi in vinile, i cd e dvd… E, ancora, i vestiti, le scarpe, le borse e le valigie che negli armadi di casa non trovano più spazio. Ma pure i giocattoli dei figli ormai cresciuti e gli accessori per l’infanzia (seggiolini auto, carrozzine, passeggini, seggioloni, baby-biciclette e così via) che non servono più. E poi gli addobbi natalizi, le bici e le moto d’epoca, le attrezzature sportive ingombranti (come le bombole da sub, le tavole da surf e le canoe), gli strumenti musicali e, perfino, le liste nozze.

Traslochi, trasporti e cabine armadio

L’assistenza offerta da Casaforte è a misura di cliente: si va dall’imballaggio delle merci e degli oggetti ai servizi di trasloco e trasporto, incluso il noleggio del furgone e, su richiesta, anche con possibilità di conducente. Sono disponibili, inoltre, scaffalature personalizzate per organizzare i propri spazi, a cominciare dalla cabina armadio, dove conservare – in ambienti puliti e asciutti – vestiti, giacche e scarpe che non si usano abitualmente. Infine, l’accessibilità ai depositi e ai magazzini Casaforte è garantita grazie ai montacarichi, ai carrelli per il trasporto e al parcheggio interno per il carico e lo scarico.

Che tu sia un privato o un’azienda, che ti serva per una settimana o per una vita intera, che siano pianoforti, documenti o tavole da surf, Casaforte è la soluzione ideale. Con un’assistenza al 100% e un servizio conveniente, sicuro e flessibile: tutto lo spazio di cui hai bisogno per custodire le tue cose.

 

Cultura e Società Marche News

Storia della carta, Giornate del FAI a Fabriano

Condividi

CondividiUn’esperienza unica alla scoperta dei tesori custoditi dalla Fondazione Fedrigoni Fabriano, 500 metri lineari di documenti e 10.000 pezzi tra strumenti e macchinari per la fabbricazione della carta: un patrimonio straordinario, testimonianza della cultura cartaria di Fabriano e dei suoi oltre 750 anni di tradizione. Questo attende i fortunati visitatori che sabato 15 e domenica […]

Leggi tutto
Cultura e Società Marche News

ASIA GHERGO: Nuvole è il nuovo singolo della giovane cantautrice marchigiana

Condividi

CondividiEtereo, fatato, magico, doloroso, triste, sognante, sono alcune delle parole chiave che descrivono l’ambiente sonoro di questo nuovo singolo di Asia Ghergo. Un galleggiare nei ricordi, tra leggerezza ed emotività, che sospende il cuore, trasportandolo in una dimensione quasi fatata. Un brano semi acustico con un mood fatto di sensazioni che, a stento, distingue tra […]

Leggi tutto
Cultura e Società Macerata Marche News

San Severino: studenti Ipsia raccontano in un video le scene della Divina Commedia

Condividi

CondividiPresentato in anteprima sul canale YouTube il primo di due video che gli studenti dell’Ipsia, l’Istituto professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “Ercole Rosa” di San Severino Marche, hanno deciso di dedicare alla significativa opera che l’artista settempedano Filippo Bigioli dedicò a Dante Alighieri. Si tratta di 27 quadretti con scene tratte dal poema […]

Leggi tutto