Categorie
News

Nasce “Giostre”, primo disco ad uscire nel 2020

Condividi

Galeotta fu Musicultura oppure galeotte furono proprio le Marche, regione plurale dove il mistico incontra il profano e il bello può assumere mille volti. Fatto sta che dall’incontro tra Mauro Mazziero, artista di Potenza Picena e Alberto Nemo tra i vincitori in finale del noto festival di musica popolare e d’autore che celebra le serate conclusive nella suggestiva arena Sferisterio di Macerata, nasce “Giostre”, primo disco ad uscire allo scoccare della mezzanotte di mercoledì 1 gennaio 2020.

Stratificato, suggestivo, intimo, vorticoso, ricco di riferimenti e steso su un tappeto sonoro avvolgente, il primo disco del nuovo decennio nasce e si sviluppa attorno a 11 acquerelli su carta cinese raffiguranti la giostra e realizzati da Mazziero. I brani prendono vita partendo da alcune registrazioni casalinghe di Mazziero (carillon, giostrine giocattolo, automi, fischi, rumori ambientali, campane tibetane, ecc.) successivamente elaborate da Nemo per comporre la colonna sonora di quest’opera. Il disco, il primo prodotto da MayDay, contenitore di linguaggi artistici di Potenza Picena, nasce quasi per caso. «Tutto è cominciato quando ho appeso alle pareti del mio studio i disegni delle giostre di Mauro – racconta Nemo – Ho iniziato ad entrare dentro ognuna di essa girando in un vortice d’ebrezza. Per qualche settimana ho pensato a che suono potesse avere una giostra. Volevo dare delle parole ad una giostra. Poi Mauro ha condiviso con me registrazioni casalinghe – continua il compositore – In alcune c’era lui che fischiava, in altre lui mentre si lavava la faccia, in altre semplicemente suoni dell’ambiente. Pure il suo carillon ed alcuni giocattoli; una campana tibetana. Ho deciso di sovrapporre me stesso ad ogni singola registrazione – spiega Nemo – Liberamente, come quando due corpi si sovrappongono. Mi sono lasciano guidare dai suoni di Mauro, che più vicini sono alla sua opera. Ho danzato con loro. Ho suonato con loro. Ho parlato con loro. Ho pregato con loro. Così in maniera molto naturale, in una sola notte, ho composto le musiche di questo disco».

«La giostra – aggiunge Mazziero – è intesa come metafora della vita, una sorta di tempio giocattolo su cui si muovono personaggi reali ed immaginari in un luogo deputato nel quale, mascherato da gioco, si attua il rito delle relazioni tra gli uomini e il mistero».

 

Dopo questo lavoro, a febbraio uscirà “Io Dio No”, un album inedito di brani scritti da Alberto Nemo circa 10 anni fa e che tornano ancora una volta alla vita anche grazie al lavoro di Mauro Mazziero. Sarà infatti l’artista a disegnare a mano, ogni copertina del vinile che, di volta in volta, verrà stampato.

Ma questa è ancora un’altra storia.