Geografie immaginarie, quale funzione? 

Condividi

Martedì 8 ottobre alle ore 19.00, nell’ambito del progetto Casa dei Saperi, la Fondazione Adolfo Pini propone un incontro dal titolo Geografie immaginarie, quale funzione? con la scrittrice e curatrice Antonia Alampi.

Diretto da Valeria Cantoni Mamiani e a cura di Sonia D’Alto, Elisa Gianni, Itamar Gov, Cristina Travanini e Alessia Zabatino, Casa dei Saperi è il progetto della Fondazione Adolfo Pini dedicato, per il 2019/2020, alle Nuove Utopie con un alternarsi di talk, workshop, seminari, lecture e proiezioni.

Con Antonia Alampi si parlerà di immaginazione e delle sue contraddizioni. Proposto da Sonia D’Alto, componente del team curatoriale di Casa dei Saperi, l’incontro interroga la possibilità di un’appartenenza non geografica ma planetaria, basata su un’interdipendenza di tutti, animati e inanimati. Alampi, attraverso la sua ricerca curatoriale, racconta i metodi utilizzati per nutrire e stimolare i processi di immaginazione sociale, politica e naturalmente culturale.

Durante il talk Antonia Alampi parlerà di The Imaginary School Program, da lei direttoper l’organizzazione Beirut al Cairo (dove è stata curatrice tra il 2012 e il 2015), un progetto di ricerca sui flussi economici che determinano e caratterizzano il contesto dell’arte e soprattutto i suoi lavoratori precari, chiamato Future Climates. Si parlerà inoltre delle attivitá di SAVVY Contemporary a Berlino, che co-dirige dal 2016, uno dei piú importanti spazi espositivi in Europa soprattutto per quanto riguarda temi e pratiche artistiche che affrontano il post-colonialismo, la diversità culturale, l’anti-razzismo e il dialogo tra culture e filosofie non euro-centriche.

L_© SAVVY Contemporary. Foto di Raisa Galofre

L’incontro prevede inoltre un focus particolare rivolto a uno dei suoi ultimi progetti: Geographies of Imagination, la mostra tenutasi a SAVVY Contemporary nell’autunno del 2018, a partire da una poesia scritta intorno alla seconda metà del diciottesimo secolo da Phillis Wheatley, la prima poetessa afro-americana, a essere pubblicata ed ex schiava, dal titolo On Imagination, dove l’immaginazione rappresenta un possibile spazio di emancipazione dalla schiavitù. Uno spazio necessarioper proteggere una comunità dall’ignoto, conferendo al corpo che immagina sollievo, rifugio e un’utopia personale. D’altra parte, l’immaginazioneha giocato e continua a giocare un ruolo completamente diverso. Il titolo della mostra è infatti un riferimento agli scritti di Michel Rolph Trouillot sulla questione delle false rappresentazioni, delle geografie immaginarie essenziali all’Occidente per la creazione dei suoi imperi narrativi, e per la sua riorganizzazione di significati indispensabile a legittimare la propria supremazia sull’altro da sé.

Image

Team_Casa dei Saperi_Fondazione Adolfo Pini_Milano_photo credit Elena Rosignoli

Macerata Marche News

Serve una revisione delle legge di riordino degli Enti Locali

Condividi

Condividi“Occorre procedere alla riforma del Testo Unico degli Enti Locali per il superamento della Legge Delrio, questioni ormai non più procrastinabili. Apprezziamo in tal senso le recenti dichiarazioni delle Ministre Lamorgese e Gelmini che vanno in questa direzione”. È questa l’opinione espressa dal Presidente dell’UPI Marche e Presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari nel […]

Leggi tutto
Eventi Macerata Marche News

San Severino: giovani in concerto

Condividi

CondividiMusica a palazzo venerdì 30 luglio e sabato 31 luglio con l’Accademia Musicale Feronia che propone la rassegna “Giovani in concerto”. L’appuntamento, patrocinato dal Comune di San Severino Marche, si terrà a palazzo Servanzi Confidati, con ingresso libero. Venerdì 30 saliranno sul palco Lavinia Cingolani, Carlotta Brizi e Margherita Bolzonetti, tre talentuose violiniste che saranno […]

Leggi tutto
Eventi Macerata Marche News

Musica per immagini – Movie concert a Porto Recanati e Urbisaglia

Condividi

CondividiLe celebri colonne sonore composte da Nino Rota ed Ennio Morricone insieme a musiche della tradizione classica, come quelle di Haendel e Šostakovič, utilizzate da grandi registi in pellicole di culto, compongono uno straordinario viaggio musicale per immagini. La FORM, “colonna sonora delle Marche”, mercoledì 28 luglio si esibisce all’Arena Beniamino Gigli di Porto Recanati […]

Leggi tutto