UNICEF Generation: dal 4 al 6 ottobre a Roma

Condividi

Dal 4 al 6 ottobre ‘UNICEF Generation’, in Piazza del Popolo a Roma, un grande evento realizzato dall’UNICEF Italia per parlare di bambini e giovani, clima, giovani, sport, guerre, emergenze, hate speech, internet sicuro, fake news, criminalità organizzata, del futuro e delle sfide del nostro tempo e dare il via alle celebrazioni del trentesimo anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” –  ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo.

A inaugurare la manifestazione, nel pomeriggio di venerdì 4 ottobre, la sindaca di Roma Virginia Raggi. La tre giorni, che si concluderà domenica 6 ottobre, vedrà alternarsi rappresentanti delle istituzioni, opinion leader, giornalisti, personalità del mondo della cultura, della politica, dello spettacolo e dello sport. Tutti sono invitati a partecipare.

Sono previsti incontri con il mondo delle istituzioni con il Ministro ai Giovani e allo Sport On. Vincenzo Spadafora e la Sen. a vita Liliana Segre.

Fra gli altri protagonisti: Carlo Conti, Lino Banfi, Roberto Mancini, Geppi Cucciari, Neri Marcoré, Myrta Merlino, Gabriele Corsi e Il Trio Medusa, Giuseppe Vessicchio, Massimiliano Ossini, Simona Marchini, Simone Perrotta, Damiano Tommasi, Serena Bortone, Grazia Di Michele, Maria Rosaria Omaggio, Claudio Fasulo, Ermanno Labianca e gli Youtuber Cane Secco & Slim Dogs, Richardhtt e Fraffrog.

Anche il mondo del business farà la sua parte con Brunello Cucinelli; non mancheranno giornalisti come Giulia Innocenzi, Floriana Bulfon e Alberto Matano e personalità del mondo dell’associazionismo come Giuseppe Magro, Ariane Benedikter.

Parteciperanno per l’UNICEF il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo, il Direttore generale Paolo Rozera, il Portavoce Andrea Iacomini, il Membro del Consiglio Direttivo dell’UNICEF Italia Patrizia Surace e Anna Riatti Coordinatrice UNICEF per il programma migranti e rifugiati in Italia.

“UNICEF Generation sarà un’occasione di confronto, dialogo e racconto per affrontare le tematiche del nostro tempo con uno sguardo rivolto ai protagonisti del nostro futuro – i bambini, gli adolescenti e i giovani – andando oltre i luoghi comuni e gli stereotipi e celebrare il trentennale della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e divenuta il trattato sui diritti umani più ratificato della storia”, ha sottolineato il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo.

Nella struttura allestita in Piazza del Popolo, capace di ospitare oltre 300 persone (tra Arena e Laboratori) saranno realizzati anche laboratori creativi e spazi di gioco riservati ai più piccoli (e non solo!). Pannelli interattivi e una serie di materiali usati nei progetti e nelle emergenze umanitarie aiuteranno a far conoscere più da vicino il lavoro che l’UNICEF conduce quotidianamente in 190 Paesi nel mondo.

Cultura e Società Macerata Marche News

Immagini da un matrimonio nel nuovo calendario dei serraltani 2022

Condividi

CondividiIl giorno del sì con tante coppie felici e sorridenti, di ieri ma anche di oggi, in un grande ricordo collettivo riunito in dodici mesi. Ci sono una dozzina di immagini davvero speciali ad accompagnare le pagine del nuovo calendario che il Comitato frazione di Serralta ha dato alle stampe per salutare questo 2022. L’attesissima […]

Leggi tutto
Cultura e Società Macerata Marche News

Marche: presentazioni del libro “Dodici Presidenti. Vite da Quirinale da De Nicola a Mattarella”

Condividi

CondividiDalle macerie del Secondo Conflitto Mondiale all’emergenza pandemica, passando per il boom economico, la Guerra Fredda e gli anni di piombo e delle contestazioni. Dietro le quinte o sul palco, ma mai spettatori, dodici uomini hanno lasciato, ciascuno a suo modo, e con la forza delle proprie idee, un’impronta indelebile nella storia del Paese, orientandone […]

Leggi tutto
Macerata Marche News

E’ Roberto Marcantoni il “Serraltano dell’Anno”

Condividi

CondividiE’ Roberto Marcantoni il “Serraltano dell’Anno”. In realtà nato a Biella, esattamente 34 anni fa, Roberto ha da sempre mantenuto le radici con la terra dei genitori che si sono trasferiti al nord, per lavoro, negli anni Ottanta. “Ogni estate, il giorno dopo la fine della scuola, venivo giù per trascorrere le vacanze dai nonni […]

Leggi tutto