Il tre volte Campione del Mondo di Ultra Maratone al Cagliari Urban Trail

Un gradito ritorno del tre volte Campione del Mondo di Ultra Maratone al Cagliari Urban Trail del 7 settembre 2019: Il pluri-Campione si cimenterà per la seconda volta nella competizione che lo ha visto trionfare nel 2017.

La notizia è stata confermata dallo stesso campione romano, che già da tempo milita nella Polar Italia, e che in questi ultimi anni ha vinto per 12 volte consecutive la classicissima 100 Km del “Passatore” da Firenze a Faenza. 

“Spero veramente di vincere questo evento unico nel suo genere, che si corre in una delle città più affascinanti d’Italia, per di più in notturna ed all’interno del suo centro storico. Sono alla seconda edizione per questa magnifica gara, che vinsi nel 2017”, ci dice il “Tassista volante”, così lo chiamano, in quanto negli anni passati lavorava proprio come tassista.

“Questa tipologia di gare, con la corta distanza da fare in velocità ma con continui cambi di ritmo, non sono la mia specialità, ma visto che vinsi già l’edizione 2017, sono fiducioso, e non vedo l’ora di partire per questa nuova avventura”ci confida “Re Giorgio” (un altro dei suoi soprannomi).

Giorgio Calcaterra conta nel suo palmares innumerevoli vittorie e riconoscimenti, tra cui ben tre titoli mondiali (2008, 2011 e 2012),ma se volete saperne di più, la storia di questo mito degli ultra maratoneti è esposta nel suo sito personale www.giorgiocalcaterra.com

Il forte quarantesettenne sarà dunque l’uomo da battere, per quelli che hanno grandi ambizioni e spirito competitivo. E se poi ad accogliervi c’è una bellissima città di mare, piena di insidiose salite e tecniche scalette, con il contorno dei suoi calorosi abitanti e delle luci degli atleti ad illuminare la notte, allora … che Cagliari Urban Trail sia!

E ricordate: we are waiting for to light up Cagliari!
In occasione del match tra Lube Volley e Modena Volley in programma alle 18.00 di
“Dal 4 al 6 ottobre ‘UNICEF Generation’, in Piazza del Popolo a Roma, un grande
Sembrava impossibile fare meglio del 3° posto dello scorso anno a Siracusa e invece è