Mangiare in compagnia è il segreto della felicità

Condividi

Mangiare in compagnia è il segreto della felicità. A sostenerlo è una ricerca della prestigiosa Università di Oxford. I ricercatori  hanno esaminato il legame tra il mangiare in compagnia e la felicità di un individuo, scoprendo che più spesso le persone mangiano con gli altri, più è probabile che si sentano felici e soddisfatti delle loro vite (http://www.ox.ac.uk/news/2017-03-16-social-eating-connects-communities ).

 

E in quanto a tavola e felicità, gli italiani risultano maestri. Infatti, stando a un’indagine di WMF, brand tedesco specializzato in prodotti da cucina, il Bel Paese primeggia in Europa per i pasti in compagnia, in media ben 14 al mese. Seguiti dagli spagnoli che siedono in compagnia 13 volte e gli olandesi con 10. A chiudere la top 5 europea ci sono i francesi e i tedeschi che scelgono pasti conviviali rispettivamente per 8 e 7 volte al mese.

 

L’indagine di WMF, realizzata in occasione della prossima Giornata Internazionale della felicità del 20 marzo, rivela, inoltre, che è la pizza protagonista delle cene in compagnia lungo lo stivale. In pizzeria o a casa, con parenti o amici, infatti, è il piatto più consumato, addirittura in 1 pasto in compagnia su 3. Mentre, a ridurre il rischio di pasti solitari c’è il classico pranzo della domenica in famiglia, 3 volte al mese in media, e le pause pranzo con i colleghi con una media di 2 alla settimana.

 

Ma qual è il momento di un pasto in compagnia che preferiamo? Senza dubbio la preparazione, per 2 italiani su 3, infatti, cucinare per gli altri è motivo di felicità. Complice la sempre più ampia diffusione della cultura culinaria, difatti, sentirsi chef per un giorno crea soddisfazione e appagamento.

 

Per questo WMF ha deciso di ideare, in occasione della Giornata della Felicità, con lo chef Valerio Braschi, il più giovane vincitore di Masterchef Italia, la ricetta della felicità e di lanciare la promozione “Aggiungi un posto a tavola” (per ogni set completo di posate WMF acquistate a marzo, i clienti riceveranno un coperto gratuito per un ospite).

 

Il piatto della felicità è un’originalissima “Piadizza” con gli ingredienti che più stimolano la serotonina, l’ormone del buon umore: guacamole, salmone marinato alla barbabietola, chips di cavolo nero, gamberi viola mi-cuit, granella di pistacchi e olio di gamberi. La ricetta di Valerio Braschi sarà disponibile per tutti anche sui canali social WMF dal 15 marzo in modo da poterla realizzare in occasione del prossimo banchetto in compagnia. E per gustare la “Felicità” nel miglior modo, WMF ha pensato ad una promozione speciale anche per il nuovo tagliapizza in acciaio inossidabile Cromargan, che sarà disponibile a marzo con il 30% di sconto.

 

 

 

 

 

LA RICETTA DELLA PIADIZZA DELLA FELICITA’ FIRMATA VALERIO BRASCHI PER WMF:

 

“Piadizza” con guacamole, salmone marinato alla barbabietola, chips di cavolo nero, gamberi viola mi-cuit, granella di pistacchi e olio di gamberi.

 

 

Per la piadizza:

Farina 0 100gr

Strutto 30gr

Acqua: 30ml

Bicarbonato 1 punta di cucchino

Sale fino qb.

Impastare tutti gli ingredienti, stendere l’impasto al mattarello delle dimensioni di mezzo centimetro.

Cuocerla in padella piana rovente dal primo lato, successivamente girarla e proseguire la cottura, qualche secondo prima di toglierla, farcirla con gli ingredienti.

 

Per il salmone marinato:

150gr di salmone abbattuto

2 barbabietole precotte

Sale grosso 2 cucchiai.

Frullare le barbabietole con il sale grosso, immergere il salmone completamente nella marinata per 48 ore in frigorifero.

Successivamente lavare il salmone sotto acqua corrente e tagliarlo a sashimi.

 

Per le chips di cavolo nero:

150gr di cavolo nero

Mettere le foglie di cavolo nero in forno a microonde per circa 1 minuto a massima potenza.

(Importante, fare 1 foglia alla volta)

 

Per i gamberi viola mi-cuit:

Gamberi viola: 5

Pulire i gamberi viola, rimuovere il carapace, la testa e l’intestino.

Cuocerli solo da 1 lato per circa 1 minuto in padella a fiamma viva.

 

Per l’olio di gamberi:

Tostare le teste di gamberi viola in forno a 80 gradi per circa 10 ore, successivamente frullarle con olio evo e setacciare.

 

Per la granella di pistacchi:

Pistacchi di bronte: 30gr

Tostare i pistacchi in padella rovente per qualche secondo, successivamente tritarli  grossolanamente.

 

Per il guacamole

1 avocado

1 spicchio d’aglio

3 lime

1 peperoncino lungo rosso

1 pomodoro ramato

1 scalogno

Sale qb

Pepeqb

Olio evo qb

 

Pulire l’avocado, schiacciarlo con una forchetta e il succo di 3 lime.

Tritare finemente lo scalogno, l’aglio, il peperoncino e il pomodoro ramato privato dei semi e della pelle.

Unire il trito all’avocado, aggiustare d’olio evo, sale e pepe.

 

Far riposare in frigo per almeno 2 ore.

 

Insalata valeriana qb

 

Insalata riccia qb 

 

Fiori edibili qb 

 

Condire l’insalata con un filo d’olio e del sale.

 

 

Guarnire la piadizza con l’avocado, il salmone marinato, i gamberi, l’olio di gamberi, i pistacchi, le chips di cavolo nero, il duo di insalate e qualche petalo di fiore.

 

 

 

Cibo Marche News

Fano: BrodettoFest a Roma

Condividi

CondividiE’ sempre più forte la collaborazione tra il BrodettoFest e il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali – Mipaaf. Un sodalizio rinnovato nell’incontro avvenuto a Roma, mercoledì 14 luglio, nella sede del Mipaaf tra la delegazione di Confesercenti e il sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con delega alla pesca, Francesco Battistoni. […]

Leggi tutto
insalata di lenticchie
Cibo

Lenticchie estive in insalata

Condividi

CondividiA giugno e luglio, è ancora tempo di fioritura della lenticchia, ma in questi mesi estivi è anche gradevole assaporare un piatto freddo di lenticchie. Se in autunno e in inverno una buona zuppa di lenticchie riscalda e rincuora, d’estate una insalata di lenticchie rinfresca e mette allegria con i suoi colori. Allora, perché non mettersi ai fornelli e non preparare questa particolare insalata? INGREDIENTI 200 gr di lenticchie sciacquate 1 cetriolo tagliato a cubetti 6 pomodorini tagliati in quarti 10 olive nere affettate una piccola cipolla tagliata a fettine sottili del formaggio formaggio feta (o primo sale) tagliato a cubetti 1 spicchio d’aglio tritato 1 pizzico di origano secco 1 cucchiaio di olio 1 cucchiaino di aceto sale e pepe basilico q.b. PREPARAZIONE Portare a ebollizione 3 tazze d’acqua. Aggiungere le lenticchie e cuocere a fuoco lento. Terminata la cottura, scolare bene e far raffreddare completamente. In una ciotola, sbattere insieme l’olio d’oliva, l’aceto di vino rosso, l’aglio e l’origano. Mettere le lenticchie raffreddate, i cetrioli, i pomodori, le olive, la cipolla rossa e il formaggio. Aggiustare di sale e pepe. Mescolare e guarnire con qualche foglia di basilico spezzettata con le mani.

Leggi tutto
Cibo Macerata Marche News

Casciotta d’Urbino, da secoli sulle tavole della colazione pasquale marchigiana

Condividi

CondividiÈ una preziosa opera d’arte, ovvero fatta ad arte da maestri casari, veri custodi delle nostre tipicità gastronomiche e dell’ambiente. Un formaggio nato dal latte di animali liberi, sani e felici che compone la tavola della tradizione pasquale marchigiana insieme ad altri ingredienti speciali come crescia al formaggio, uova e frittata di erbe e ciauscolo. […]

Leggi tutto